Cerca

Il gioiello del Cavaliere

Ghedini prova a smentire "Libero"
Ma Villa Certosa è stata venduta

La notizia sulla cessione dell'immobile per 470 milioni di euro ha fatto il giro del mondo. Poi la smentita. Eppure la conclusione dell'affare è prevista a novembre

L'acquirente è un politico-magnate alla guida di una delle repubbliche ex Urss
Villa Certosa

Villa Certosa

 

"Il quotidiano 'Libero' persevera nella pubblicazione di una notizia destituita di ogni fondamento. Villa Certosa non è in vendita, non è stato conferito alcun mandato   a vendere, non vi è in corso alcuna trattativa". Lo ribadisce Niccolò Ghedini, legale di Silvio Berlusconi, in merito all'articolo di Franco Bechis che trovate qui di seguito pubblicato oggi sul nostro giornale. "Qualsiasi conversazione che l’articolista afferma di aver   registrato -aggiunge- non può che essere intervenuta tra soggetti non legittimati e che stanno cercando di creare una notizia che non esiste".

di Franco Bechis

La transazione è delicata, e non a caso ieri la notizia pubblicata da Libero sulla vendita per 470 milioni di euro di Villa Certosa, residenza sarda di Silvio Berlusconi, ha fatto subito il giro dei principali siti Internet del mondo. A metà mattinata è arrivata una secca replica dell’avvocato Nicolò Ghedini, penalista di fiducia dell’ex premier, questa volta nell’insolita veste di portavoce: «In relazione all’articolo apparso   quest’oggi in prima pagina su Libero dove si afferma che Villa Certosa  sarebbe stata venduta, bisogna osservare che trattasi di notizia   totalmente destituita di ogni fondamento. Villa Certosa non è in vendita e conseguentemente non ci sono trattative in corso». 

A dire il vero le indiscrezioni sulla vendita della villa proprio nelle ultime settimane si erano intensificate e sono anche state pubblicate sulla stampa nazionale e internazionale  con tanto di ipotesi di prezzi (fra 400 e 474 milioni di euro) senza alcuna rettifica sulle intenzioni del Cavaliere di vendere. La scorsa settimana a chi scrive è capitato di assistere fortuitamente a una telefonata in viva voce fra protagonisti della trattativa, e da lì è nato l’articolo pubblicato su Libero con tutti i particolari ascoltati: il prezzo (470 milioni), la firma di un preliminare di vendita all’estero, l’identità dell’acquirente (un politico-magnate alla guida di una delle repubbliche ex Urss), la conclusione della transazione prevista per il mese di novembre.

Prima di scrivere ho contattato l’immobiliarista di fiducia del Cavaliere in Sardegna, Claudio Giuntoli. Lui è rimasto sorpreso dai particolari che ho tentato di verificare, e dopo un certo silenzio ha detto di non sapere nulla, ma ha confermato di avere «un mandato a vendere» da parte di Berlusconi. Notizia questa in contrasto con la dichiarazione dell’avvocato Ghedini. Sempre Giuntoli ha spiegato che è già stata rifiutata un’offerta di 300 milioni di euro arrivata nelle settimane scorse perché Berlusconi l’avrebbe considerata «incongrua». Di quanto scritto, Libero naturalmente ha le prove audio documentali.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tunnel

    05 Ottobre 2012 - 08:08

    Avvocato Ghedini, ma a noi ed a me personalmente,che CA**O ce ne frega se Berlusconi ha venduto o no, la villa ? con tutti i problemi che abbiamo in Italia? Roba da vomito...

    Report

    Rispondi

  • 654321

    04 Ottobre 2012 - 20:08

    Carissimo,un saluto. Non dimenticare il detto : quello che e' tuo e' mio ,e quello che e' mio e' mio! Tutti questi scagliatori della prima pietra ne sono il classico esempio! Ne conosco tantissimi che parlano,parlano,e sono per il sociale! Si che lo sono, ma con i quattrini degli altri! Ciao

    Report

    Rispondi

  • 654321

    04 Ottobre 2012 - 20:08

    Domandatevi come mai tutti questi ricconi sono Russi ,ma l'Urss non era comunista? Magari lo erano anche loro! Ma con tutti questi quattrini erano per il popolo? Branco di coglioni mentecatti,in Italia i vostri leader sono tutti poveri vero? Votateli,hanno bisogno ancora di farsi le case del popolo!

    Report

    Rispondi

  • bepper

    04 Ottobre 2012 - 19:07

    Uno dei sistemi per portare soldi nei paradisi fiscali, che includono ex repupubbliche sovietiche è la sovrafatturazione. Pratica ignota mi pare dalle parti di Arcore (Lentini, vari Mediatrade, scudi fiscali tombali, acquisti e lavori fatturati fuori di testa per ville superkitch nei Caraibi...)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti