Cerca

Tragedia familiare

Massacrato di botte dal padre
Diciassettenne muore a Perugia

Sembra che il ragazzo sia intervenuto per bloccare una lite tra la madre e suo marito

L'uomo, un italiano disoccupato è stato arrestato dai carabinieri intervenuti per la chiamata della madre: "Venite lo sta uccidendo di botte"

Un ragazzo di diciassette anni è morto a Pietrafitta, in provincia di Perugia, dopo essere stato picchiato dal patrigno. E' stata la madre a chiamare il 112. "Correte, correte, lo sta uccidendo", ha detto ai carabinieri. Al momento dell’accaduto sembra fosse in corso una lite tra la madre, una romena con qualche problema di salute, e suo marito, un italiano, disoccupato, bloccato immediatamente dai carabinieri. La coppia, insieme, ha anche un altro bambino, che ora frequenta le scuole elementari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    08 Ottobre 2012 - 12:12

    Non sperate che l'osti..nato brunello si vergogni per quello che dice, lui è fatto così non è colpa sua, è affetto dal "morbo di Pavlov" sapete quello dei riflessi condizionati, lui deve sempre ribattere a prescindere quando non sono compagni, neanche lui sa come e perchè.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    06 Ottobre 2012 - 03:03

    che non si strumentalizzasse la tragedia per le solite leccate di rito agli immigrati... come se di violenti non ci bastassero quelli nostrani. E i dati sulle carceri (ben 25000 risorse multiculturali straniere) parlano chiaro.

    Report

    Rispondi

  • humphrey47

    05 Ottobre 2012 - 21:09

    Questo è un giornale libero , commenti anche tu !

    Report

    Rispondi

  • graziella

    05 Ottobre 2012 - 20:08

    É una tragedia, morire poi per aver tentato di riappacificare i genitori é pazzesco! Forse se la donna fosse intervenuta senza andare al telefono magari il povero ragazzo si sarebbe salvato.Resta comunque la rabbia e l' amarezza per la natura violenta di certi soggetti che si accaniscono sempre e comunque su donne e bambini.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog