Cerca

Protesta animale

La marcia dei cani: rivolta
contro i sindaci italiani
che vietano i parchi a fido

L'ex ministro Brambilla spiega: "La prima tappa a Lodi, dopo toccherà alla Liguria". L'obiettivo: riaprire i polmoni verdi ai migliori amici dell'uomo

Scatta la rivolta contro i primi cittadini anti-cani: gli enti locali preferiscono legiferare contro fido piuttosto che provare a combattere la corruzione e il malcostume dilagante
La marcia dei cani: rivolta
contro i sindaci italiani
che vietano i parchi a fido

di Daniela Mastromattei

Ci mancavano solo i sindaci anti-cani a renderci la vita ancor più complicata.  Non bastano i danni  che  fanno i colleghi amministratori comunali, provinciali, regionali  ed esponenti del governo con il loro ruba ruba. Mai che si sveglino stilando una legge anti-corruzione da votare in giornata. Tutti d’accordo invece quando si tratta di far passare regole assurde. Come quella di vietare i giardini pubblici al miglior amico dell’uomo. Tanto per mettere le cose in chiaro: fanno meno danni  i cani  lasciati liberi nei parchi  che i politici tenuti  al guinzaglio.  

Contro la  leggerezza di  alcune amministrazioni comunali scatta  la rivolta nazionale, guidata   dall’onorevole  Michela Vittoria Brambilla, con il riuscito  evento «Quattro passi nel centro di Lodi, per dire “no” al divieto di condurre cani nei parchi pubblici e per rilanciare il tema dell’accesso libero delle persone con animali al seguito in tutte le città».  Una manifestazione che parte da lontano. La Brambilla  - che già da ministro del Turismo aveva firmato con l’Anci un accordo per favorire l’ingresso dei cittadini accompagnati da animali d’affezione in tutti i  luoghi pubblici, compresi gli uffici e i mezzi di trasporto - ieri mattina insieme con un incredibile numero di cittadini di Lodi hanno sfilato tutti insieme appassionatamente,   battaglieri più che mai, con i propri animali al seguito lungo le vie della città, attraverso le  zone proclamate «off limits» per i quattrozampe dal regolamento di polizia urbana del Comune lombardo, insieme con Lav e Amici Animali. Una moltitudine di persone di ogni età e ceto sociale  ha violato la «zona rossa», una rivolta culturale e sociale. «Dovunque i cittadini»,  spiega l’onorevole Brambilla, «subiscano ingiustificate limitazioni della loro libertà di muoversi, nel rispetto delle norme e delle regole della buona educazione, con il proprio animale domestico al seguito, deve essere messa in campo una tenace forma di protesta civile. È ora di farsi sentire, di pretendere il rispetto della legge nazionale   che non prevede   zone off-limits per i cani se non in limitatissimi casi. Si deve chiedere al proprio sindaco, se necessario, di adeguare i regolamenti comunali o di adottare le ordinanze-tipo predisposte a suo tempo dal ministero del Turismo  e dall’Anci».

«Milioni di italiani», continua la Brambilla, «convivono con gli animali domestici e hanno tutto il diritto di volerli accanto a sé in ogni momento della vita quotidiana». Un diritto che non può certo essere violato dalle simpatie o antipatie dei sindaci verso il mondo animale. «La manifestazione di ieri», fa notare la Brambilla, «conferma  che  i cittadini non intendono più stare in silenzio, o sopportare  soprusi del tutto illegittimi». Anzi. «Metteranno in atto forme di protesta civile, faranno sentire la propria voce dal nord al sud del Paese, ovunque si cerchi di limitare la loro libertà. La  nostra è una protesta nazionale, politica e istituzioni prendano atto che i tempi sono cambiati».

La marcia partita da Lodi  va a «sfidare»  l’articolo 65, comma 3, del regolamento  strenuamente difeso dal sindaco Lorenzo Guerini (Pd)  che esplicitamente vieta ai cani  «parchi e giardini pubblici». Con tanto di sanzioni.  I  trasgressori  sono costretti a pagare una multa che va da 25 a 500 euro. Disposizioni simili a quelle adottate dal Comune di Lodi, palesemente illegittime, sono state impugnate con successo davanti a parecchi Tribunali amministrativi regionali. «Alla prima sanzione», avverte l’ex ministro, «ricorreremo contro il regolamento di Lodi e il Comune dovrà adeguarsi». Prossima tappa: Liguria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Maaaahhhh

    09 Ottobre 2012 - 00:12

    Li facciamo per i bimbi o per i cani??? Padronissimo chiunque di adottare un cane, ma che non lo faccia a spese di chi è costretto a calpestare i loro escrementi o doversi allontanare da un parco (pubblico!) dove cani di grossa taglia vengono lasciati liberi. Mica colpa del cane, bensì del padrone! Ci provi qualcuno a dire che non è vero, che lo sfido a fare un giretto carponi e bendato in un qualsiasi giardinetto: CAMPO MINATO!

    Report

    Rispondi

  • Maaaahhhh

    09 Ottobre 2012 - 00:12

    Li facciamo per i bimbi o per i cani??? Padronissimo chiunque di adottare un cane, ma che non lo faccia a spese di chi è costretto a calpestare i loro escrementi o doversi allontanare da un parco (pubblico!) dove cani di grossa taglia vengono lasciati liberi. Mica colpa del cane, bensì del padrone! Ci provi qualcuno a dire che non è vero, che lo sfido a fare un giretto carponi e bendato in un qualsiasi giardinetto: CAMPO MINATO!

    Report

    Rispondi

  • carlag

    08 Ottobre 2012 - 16:04

    Brava Onorevole Brambilla! Amo tutti gli animali e sono proprietaria di un cane, due gatti ed altri animali pennuti. Io e Vicki spesso leggiamo il cartello affisso alll'entrata di parchi cittadini e ci meravigliamo (lei, Vicki, un po' meno perche' come cane non sa leggere). Come sottolinea nel suo articolo "nel rispetto delle norme e delle regole della buona educazione" i proprietari di cani dovrebbero essere liberi di circolare su tutto il territorio Italiano. Purtroppo la buona educazione in Italia e' spesso un pio desiderio. Qui da noi, invece di educare, si preferisce reprimere. E' un vizio tutto nostro, e le conseguenze si vedono in contesti differenti. Comunque complimenti per la sua attivita' di supporto e sostegno al mondo animale, che e' lodevole e faticosa in un paese a volte incivile. Grazie, Carla

    Report

    Rispondi

  • francoruggieri

    08 Ottobre 2012 - 15:03

    ... ma provate voi a costringere un povero vigile urbano, che passa la sua mattinata a leggere faticosamente un quotidiano, a lasciare tale estenuante incombenza per andare a vigilare che i padroni dei cani non abbandonino il Prodotto Interno Lordo dei medesimi cani o che tengano a bada le intemperanze sempre dei medesimi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog