Cerca

La burocrazia uccide la solidarietà

Quando la burocrazia uccide la solidarietà
Ai terremotati neanche un euro dagli sms

Raccolti 15 milioni di euro, ma l'iter per "sbloccare" il denaro è lungo e complesso

Prima di versare l'importo dovuto alla Tesoreria di Stato, le compagnie telefoniche debbono essere certe di incassare la somma
Quando la burocrazia uccide la solidarietà
Ai terremotati neanche un euro dagli sms

 

Neanche un euro degli sms solidati inviati dalla generosità degli italiani ai terremotati dell'Emilia. Oltre 15 milioni di euro versati attraverso i cellulari al numero 45500. Secondo quanto scrive il Corriere della SEra, a tre mesi dalla seconda scossa di terremoto, le popolazioni colpite non hanno ancora visto un euro. Tutta colpa della burocraziam. Il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, intervistato dal quotidiano di via Solferino spiega: "Purtroppo l'iter non si può comprimere più di tanto se si vuole assicurare trasparenza". Un tecnico della Protezione civile dà una spiegazione ancora più dettagliata, dice che i diversi operatori telefonici debbono effettivamente incassare la crifra prima di versare alla Tesoreria di Stato l'importo in teoria ricevuta. "io posso anche inviare un messaggio ma se poi per qualche ragione non lo pago, il gestore non versa". Ecco perché i tempi si allungano. Prima di versare l'importo le compagnie devono quindi essere sicure che tutti i soldi donati esistano veramente e questo non sempre accade. Al momento - scrive il Corriere - nelle casse di Bankitalia risultano depositati poco più di 7 milioni di euro, nemmeno la metà di quelli ipotizzati". 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amb43

    09 Ottobre 2012 - 09:09

    La Bankitalia, cosa aspetta a darli ai terremotati ?

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    09 Ottobre 2012 - 09:09

    E perchè Bankitalia non comincia a versare quello che ha in cassa?

    Report

    Rispondi

  • Maaaahhhh

    09 Ottobre 2012 - 00:12

    A Sant'Agostino di Ferrara, pochi giorni fa è stata posata la "prima pietra" della nuova scuola (bellissima) e già oggi siamo al coperto (struttura modernissima in legno di WolfHaus). Se tutto procede bene fra pochi giorni si inaugura. E con i soldi di chi? C'è un cartello che recita "GRAZIE ALLA RACCOLTA FONDI DI MEDIASET" (via sms). Si aggiunga: Stato vergognati! E si vergognino tutti coloro che nonostante gli insulti a Berlusconi, manderanno i loro figli in quella scuola!

    Report

    Rispondi

  • Maaaahhhh

    09 Ottobre 2012 - 00:12

    A Sant'Agostino di Ferrara, pochi giorni fa è stata posata la "prima pietra" della nuova scuola (bellissima) e già oggi siamo al coperto (struttura modernissima in legno di WolfHaus). Se tutto procede bene fra pochi giorni si inaugura. E con i soldi di chi? C'è un cartello che recita "GRAZIE ALLA RACCOLTA FONDI DI MEDIASET" (via sms). Si aggiunga: Stato vergognati! E si vergognino tutti coloro che nonostante gli insulti a Berlusconi, manderanno i loro figli in quella scuola!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog