Cerca

Amara scoperta dopo quasi 40 anni

E' sparita l'eredità del conte:
130 orfanelle ridotte sul lastrico

Il nobile aveva lasciato un patrimonio alle bimbe, ma i gestori dell'ente non le avvisano. E i giudici sentenziano: "Ormai è troppo tardi per riscuotere". E sono rovinate

Oltre al danno, le orfanelle sono vittime anche di una terribile beffa: dovranno risarcire le spese legali. Peccato però che non dispongano più nemmeno di un euro...
E' sparita l'eredità del conte:
130 orfanelle ridotte sul lastrico

"Alla prima pagina del manuale del bravo truffatore sta scritto che la vittima migliore è quella inerme, ignara, sola. Ad esempio una bambina orfana. Se poi l’orfana, insieme a altre, è l’erede testamentaria di un cospicuo patrimonio lasciato dall’eccentrico conte Carlo Galletti Abbiosi, deceduto nel 1867, gli avvoltoi cominciano a vorticare avidi per impossessarsene. È successo a Ravenna, dove il giudice civile ha respinto la causa intentata dalle vecchine ultime ospiti dell’orfanotrofio Galletti Abbiosi, chiuso nel 1974, le quali avevano diritto, come da lascito del conte, di esservi accolte vita natural durante, finanziando l’opera di bene con i ricchi possedimenti del nobile e, qualora l’orfanotrofio fosse stato dismesso così com’è avvenuto, quelle proprietà sarebbero dovute andare a loro", spiega Giordano Tedoldi su Libero in edicola oggi. Un'amara scoperta che avviene quasi dopo 40 anni il lascito: sparisce l'eredità del conte e 130 orfanelle vengono ridotte sul lastrico. Il nobile aveva infatti lasciato un patrimonio alle bimbe, ma il gestore dell'ente non le hanno avvisate. E i giudici sentenziano: "E' tardi per riscuotere". Oltre al danno la beffa: le orfanelle dovranno anche rimborsare le spese legali.

Leggi l'approfondimento su Libero in edicola oggi, martedì 9 ottobre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ateo39

    09 Ottobre 2012 - 18:06

    chissà perchè mi viene in mente un'altra orfana minorenne.

    Report

    Rispondi

  • routier

    09 Ottobre 2012 - 16:04

    Condivido i commenti precedenti. I colpevoli hanno sempre un nome e cognome. Perchè tenerli nascosti ? Che io sappia le sentenze sono pubbliche e allora....

    Report

    Rispondi

  • FRAGO

    09 Ottobre 2012 - 16:04

    Vogliamo sapere nomi e cognomi di questi fraudolenti amministratori, così al di fuori dei tribunali, la società civile può richiedere di restituire il mal tolto, e visto i tempi della giustizia, anche ai loro eredi. Amministratori ed eredi che di colpe non ne hanno ma godono di beni appartenenti moralmente ad altri. Sapendo i nomi chiunque può chiedergli perche non restituiscono i dovuto?

    Report

    Rispondi

  • alvit

    09 Ottobre 2012 - 13:01

    ...di coloro che facevano parte "del gestore dell'ente".Sicuramente non era una unità astratta, ma erano persone in carne ed ossa. Tirate fuori i nomi delle faine che si divisero il lauto banchetto. Fateci sapere chi sono questi signori (si fa per dire).

    Report

    Rispondi

blog