Cerca

Regione Lombardia

Pirellone, sale a 13 il numero degli indagati

Da Formigoni a Penati, dalla Minetti a Romano La Russa: l'assessore Zambetti è solo l'ultimo di un lungo elenco

Pirellone, sale a 13 il numero degli indagati

Mai la Lombardia aveva visto tanti indagati seduti sugli scranni del Pirellone. Ad oggi sono tredici gli esponenti politici - fra giunta e consiglio regionale - sotto inchiesta della magistratura. Alcuni sono addirittura finiti in carcere, come l'assessore alla Casa Domenico Zambelli arrestato questa mattina per aver comprato dalla 'ndrangheta 4000 voti necessari ad essere eletto; l'ex consigliere segretario Massimo Ponzoni (Pdl), arrestato a gennaio con varie accuse fra cui la corruzione e la bancarotta fraudolenta; l'ex vicepresidente del Consiglio Regionale Franco Nicoli Cristiani (Pdl), che, arrestato, si è dimesso dal Consiglio regionale. L'altro ieri, è stato condannato in primo grado a due anni e mezzo per falso e truffa il consigliere del Pdl Gianluca Rinaldin mentre la scorsa settimana è stato chiesto il rinvio a giudizio per varie ipotesi di reato, fra cui corruzione, per l'ex vice presidente dell'Aula, Filippo Penati, ex Pd. 

Nel mirino degli magistrati c'è pure il presidente Roberto Formigoni (Pdl), accusato di corruzione aggravata nella inchiesta sulla Fondazione Maugeri, il consigliere del Pdl Angelo Giammario, ex sottosegretario di Formigoni, per corruzione; l'attuale assessore alla Sicurezza, Romano La Russa, accusato di finanziamento illecito; la consigliera Pdl Nicole Minetti, a processo per induzione e favoreggiamento della prostituzione anche minorile nell'ambito del caso Ruby. In un'inchiesta per tifo violento è, invece, stato coinvolto l'assessore leghista Daniele Belotti

Sono senza alcun incarico istituzionale, ma si sono comunque seduti sugli scranni del Pirellone, ed hanno guai con la giustizia anche l'ex consigliere leghista Renzo Bossi (dimessosi per l'inchiesta sull'uso dei rimborsi elettorali del Carroccio nella quale è accusato di appropriazione indebita) e l'ex assessore sempre leghista, Monica Rizzi, sospettata in passato di aver prodotto dossier proprio per screditare avversari interni di Bossi Jr.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinux3

    10 Ottobre 2012 - 18:06

    ...gli altri sono tutti del PdL (e qualcuno della Lega). Ma guarda caso...

    Report

    Rispondi

  • blu521

    10 Ottobre 2012 - 13:01

    Che aspetta a togliere la fiducia al celeste?

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    10 Ottobre 2012 - 10:10

    Tutti ladri dal primo all'ultimo. Si sono accodati al furfante amico di Craxi che ha fatto i soldi corrompendo tutti quelli che potevano favorirlo e poi è sceso in politica per non pagare il debito con la giustizia. C'è qualcuno che può dire il contrario?

    Report

    Rispondi

blog