Cerca

Pirellone nella bufera

Leggi l'ordinanza che ha portato in arresto Zambetti

Ecco uno stralcio della conversazione tra due presunti affiliati a una cosca calabrese

Leggi l'ordinanza che ha portato in arresto Zambetti

 

Se l’assessore regionale  Domenico Zambetti, ( arrestato mercoledì 10 ottobre con l'accusa di aver comperato soldi dalle cosche calabresi), non avesse pagato le   cosche in cambio di voti sarebbe "saltato in aria". E’ quanto dice uno  degli arrestati in una intercettazione riportata dal gip  nell’ordinanza di custodia cautelare. "Hai visto quel pisciaturu  (uomo di poco conto, ndr) di Zambetti, come ha pagato - afferma uno   degli arrestati- Eh.... lo facevamo saltare in aria.... Cirù.... eh,   tu l’avevi letta la lettera che gli hanno mandato?". A parlare è   Eugenio Costantino a colloquio con Ciro Simonte (entrambi sono finiti   oggi in manette), il quale risponde: "sì... il pizzino!".

 Leggi l'ordinanza di arresto di Domenico Zambetti

 

"Ci prendiamo delle soddisfazioni"   Costantino aggiunge: "no... gli hanno mandato una lettera   dopo... tramite me...che quando l’ha letta, figlio mio... le orecchie  si sono incriccate così....Ah, gli abbiamo mandato una lettera  talmente scritta bene e talmente con tanti di quei.... cioè gli hanno  fatto... si vede che avevano gente laureata nel gruppo, gli hanno   fatto la cronistoria di come sino iniziate le cose, di come erano i   patti e di come andava a finire.... si è messo a piangere oh, davanti  a me e zio Pino" (Giuseppe D’Agostino, un altro degli arrestati, ndr).    E, ancora, "piangeva.... per la miseria.... si è cagato   sotto..., cagato completo... totale.... Ogni tanto, solo così   possiamo prenderci qualche soddisfazione, altrimenti non ne avrei mai   nella vita soddisfazioni... perchè il potere lo hanno i politici e la  legge. Però ogni tanto vaffanculo, con l’aiuto degli amici una   soddisfazione ogni tanto ce la prendiamo....". In un'altra telefonata, i due, riferendosi ad alcuni degli arrestati, dicono: "'Sti politici e merda, piccoli e grandi, sono uno peggio dell’altro". Come dargli torto?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tontolomeo baschetti

    11 Ottobre 2012 - 13:01

    vai a pulire le scarpe a Saviano con la lingua ( che di solito usi per altri scopi).

    Report

    Rispondi

  • martello carlo

    11 Ottobre 2012 - 12:12

    Questo barese oltre che traditore della regione in cui è immigrato, è pure BISCHERO perché, invece di farsela con i propri compaesani della sacra corona, va a cercare rogne con la malavita PIU' TROGLODITA, PRIMITIVA E BESTIALE che esista. Deve averne combinate di tutti i colori per essere ancora al mondo.C'è un punto però che va chiarito, oltre a quello degli appalti e dei favori:CI SONO MINIMO ALTRI 4000 COLLUSI E VENDUTI COME LUI IN GIRO PER LA LOMBARDIA CHE SAREBBE MEGLIO RICERCARE PERCHE' SONO CELLULE TUMORALI VAGANTI CHE CERTAMENTE PORTERANNO ALLA METASTASI TUTTA IL NORD, QUINDI A TUTTI I CITTADINI ONESTI DICO OCCHIO AI WANTED ALTRIMENTI QUESTI SELVAGGI BUZZURRI PRIMA O POI CI INCAPRETTANO TUTTI.

    Report

    Rispondi

  • Caninforato

    11 Ottobre 2012 - 10:10

    Conclude l'articolo il redattore. Passi lo schifo per i "piccoli", ma che dire di uno "grande", a quel tempo Ministro dell'Interno, che scatenò un putiferio sui media perchè Saviano si rimangiasse l'allarme sui pericoli dell'infiltrazione mafiosa sempre più invasiva al nord...

    Report

    Rispondi

  • fofetto

    11 Ottobre 2012 - 10:10

    Spero che nessuno commenti. Non c'è proprio niente da commentare! Ah si, una cosina la voglio dire. A parte i politici, ma quando si incomincia a fare qualche bello scontro a fuoco con stì mafiosi?

    Report

    Rispondi

blog