Cerca

Casta intoccabile

I giudici non tagliano gli stipendi ai giudici
"E' discriminatorio"

La Corte Costituzionale boccia il decreto che prevedeva anche il taglio delle retribuzioni dei manager pubblici

I giudici non tagliano gli stipendi ai giudici
"E' discriminatorio"

Giù le mani dagli stipendi dei giudici. Parola di giudici. Anche le mega-retribuzioni dei manager pubblici non si possono toccare. La Corte Costituzione ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del decreto legge, convertto nel luglio del 2010 in legge, che prevedeva il taglio agli stipendi superiori i 90.000 euro lordi  annui, nonchè la mancata erogazione di acconti, conguagli e   indennità speciali per il personale di magistratura. Insomma i tagli  dei manager che guadagnano più di 90mila euro sono incostituzionali. Per quanto riguarda i magistrati, la Consulta ha bocciato anche il comma 22 dello stesso articolo, dove dispone che non siano erogati, "senza possibilità di recupero, gli acconti degli anni 2011, 2012 e 2013 ed il conguaglio del triennio 2010-2012". E che "per il triennio 2013-2015 l'acconto spettante per il 2014 è pari alla misura già prevista per l'anno 2010 e il conguaglio per l'anno 2015 viene determinato con riferimento agli anni 2009, 2010 e 2014". La Consulta, in particolare boccia l’articolo 9, nella parte in cui dispone che a decorrere dal primo gennaio 2011 e sino al 31 dicembre 2013 "i trattamenti economici complessivi dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, previsti dai rispettivi ordinamenti, delle amministrazioni pubbliche, siano ridotti del 5% per la parte eccedente il predetto importo fino a 150.000 euro, nonchè del 10% per la parte eccedente 150.000 euro". Per la Corte, "il tributo imposto determina un irragionevole effetto discriminatorio". 

La spiegazione Secondo la Corte, "il meccanismo di adeguamento delle retribuzioni dei magistrati può a certe condizioni essere sottoposto per legge a limitazioni, in particolare quando gli interventi che incidono su di esso siano collocati in un quadro di analoghi sacrifici imposti sia al pubblico impiego sia a tutti i cittadini". Ma nel caso della "manovra" di due anni fa, "i limiti tracciati dalla giurisprudenza di questa Corte risultano irragionevolmente oltrepassati". In particolare, in relazione al conguaglio del 2012 "l'intervento per il solo personale della magistratura eccede l'obiettivo di realizzare un raffreddamento della dinamica retributiva e ha, invece, comportato una vera e propria irragionevole riduzione di quanto già riconosciuto". Secondo la Consulta si viene a realizzare, "una ingiustificata disparità di trattamento fra la categoria dei magistrati e quella del pubblico impiego contrattualizzato, che, diversamente dal primo, vede limitata la possibilità di contrattazione soltanto per un triennio".  In sostanza - conclude la sentenza - "l'intervento normativo censurato, oltre a superare i limiti costituzionali indicati dalla giurisprudenza di questa Corte, che collocava in ambito estremo una misura incidente su un solo anno, travalica l'effetto finanziario voluto, trasformando un meccanismo di guarentigia in motivo di irragionevole discriminazione. In definitiva, la disciplina censurata eccede i limiti del raffreddamento delle dinamiche retributive, in danno di una sola categoria di pubblici dipendenti". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    13 Ottobre 2012 - 13:01

    "..Non piace ma uno Stato di diritto deve rispettare le leggi che si da' e il loro spirito.". E questo sarebbe uno stato di diritto. Chi va in pensione un mese prima di un altro a parità di anzianità e contributi riceve una pensione inferiore? Si impone a persone ormai prossime al pensionamento di rimanere al lavoro per altri 3 o 4 anni, questo è diritto? Si pospone di quasi due anni il pagamento della liquidazioni agli impiegati statali per decreto e questo è diritto? Si chiudono i Pronto soccorso per carenza di fondi ma nessun politico, magistrato, giudice ha mai neanche accennato a ridurre le spese. Questo è diritto? Ma dove cavolo vivi nel mondo della cioccolata? Qui il diritto esiste solo per chi ha la forza o il denaro per farlo valere, per gli altri servi della gleba non c'è alcun diritto ne alcun organo a cui appellarsi per ottenerlo. Prima di fare i legulei, i nostri cari, perchè costano caro, giudici, avrebbero anche dovuto valutare l'impatto di una simile sentenza!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    12 Ottobre 2012 - 17:05

    Paese da rifondare....

    Report

    Rispondi

  • libero

    12 Ottobre 2012 - 13:01

    tra politici e magistrati esiste una sostanziale differenza ovvero,mentre i primi a torto o a ragione,pagano quando vengono pescati,i secondi mai:il caso Tortora ad esempio e' emblematico tanto che ormai il magis stratus e' diventato un potere dello stato e non un ordinamento come deve essere.

    Report

    Rispondi

  • libero

    12 Ottobre 2012 - 13:01

    cosa vuoi mai pretendere dalla corte costituzionale,quando,come era stato pubblicato tempo fa sui giornali,i suoi membri prossimi alla pensione,a turno vengono promossi al massimo grado per avere il massimo della pensione e e di tutti i privilegi e benefit legati ad esso.Meglio andarsene da questo maledetto paese degradato per sempre e chiedere rifugio politico altrove,in qualsiasi posto poiche' nessun altro posto e' peggiore del nostro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog