Cerca

I paradossi della Casta

Scandalo 'ndrangheta a Milano, adesso i politici sono troppo ladri anche per i mafiosi

Nelle intercettazioni del caso Zambetti alcuni passaggi inquietanti: "Piangeva, 'sti politici e' mmerda sono uno peggio dell'altro. Così ci prendiamo qualche soddisfazione"

Un esponente della 'ndrangheta al compare: "Ciro, non c'è altra alternativa che puoi farli piangere... ecco perché io sarò sempre dalla parte della delinquenza"
Scandalo 'ndrangheta a Milano, adesso i politici sono troppo ladri anche per i mafiosi

"'Sti politici 'e mmerda, piccoli e grandi, sono uno peggio dell'altro". Parole degli ultimi anti Casta acquisiti, due esponenti della 'ndrangheta milanese intercettati nell'ambito dell'inchiesta che ha portato all'arresto dell'assessore alla Casa della Regione Lombardia, il pidiellino Domenico Zambetti. Al telefono lo chiamavano spregiativamente pisciaturu, quello che piagnucola, che se la fa sotto. "Se sgarra lo crepiamo di palate", lo minacciavano parlando tra loro i mafiosi, ma questo è quasi un dettaglio rispetto all'atmosfera che si respira in tutta la faccenda. Marco Travaglio sul Fatto quotidiano ricorda come nel 2005 un mafioso siciliano raccontasse al telefono a un "collega" le spifferate di un altro picciotto: "Dice che Cammarata e Miccichè (ex sindaco pidiellino di Palermo il primo, ex di Forza Italia e Pdl e ora leader di Grande Sud il secondo, ndr) sono fanghi, proprio gentaglia, dice. 'Sono tutti cocainomani'. 'Cammarata avant'ieri al Cuba (un night club, ndr) che vomita sopra il tavolo', dice! Gli ho detto: 'Minchia, il primo cittadino!'. 'Eh, il primo cittadino, è una cosa schifosa. Ma la gente - dice - ne ha le tasche piene. Poi si sono fatti i fatti loro, non hanno pensato per nessuno, pensano per loro soli... Posti, soldi...". E qui ci ricolleghiamo all'intercettazione del caso Zambetti. L'assessore al telefono, pressato dai mafiosi per ricambiare il favore di avergli comprato 4.000 voti, piangeva per le minacce. "Per la miseria... si è cagato sotto - spiegava l'esponente della 'ndrangheta al compare -. Solo così possiamo prenderci qualche soddisfazione... perché il potere lo hanno i politici e la legge, però, ogni tanto vaffanculo, con l'aiuto degli amici una soddisfazione ogni tanto ce la prendiamo... lui, lo sai quante persone fa piangere?... e ogni tanto piangono anche loro, ma solo così, Ciro, non c'è altra alternativa che puoi farli piangere... ecco perché io sarò sempre dalla parte della delinquenza". Il paradosso finale: certi politici sembrano troppo ladri persino ai delinquenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    13 Ottobre 2012 - 16:04

    @triestino 48 apro le scommesse , da quanto si parte ? @ encol , lo scrivo sempre e sempre mi censurano

    Report

    Rispondi

  • encol

    13 Ottobre 2012 - 07:07

    Smettetela di chiamare questa gentaglia POLITICI non lo sono nè dal punto di vista delle capacità, ci hanno rovinato in oltre 40anni di governo del paese, sono degli imbonitori moltissimi di loro si fregiano del titolo di On. ma pochi possono esibire un titolo di studio decente. Sotto gli occhi di tutti rappresentano quanto siano farabutti e mascalzoni- Identifichiamoli per quello che sono realmente: BANDA DI LADRI

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    12 Ottobre 2012 - 22:10

    le intercettazioni di Ciancimino jr. e di essere un prescritto.

    Report

    Rispondi

  • triestino48

    12 Ottobre 2012 - 16:04

    Se c'è la Boccassini in mezzo, tra meno di una settimana indagherà a Silvio Berlusconi per associazione mafiosa, accetto scomesse!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog