Cerca

Psicosi pioggia

Maltempo, da lunedì massima allerta a Roma:
"Uscite di casa solo se necessario"

Il capo della Protezione civile Gabrielli: "Violente precipitazioni per tre giorni". Alemanno: "Non chiudiamo le scuole"
Maltempo, da lunedì massima allerta a Roma:
"Uscite di casa solo se necessario"

Da lunedì a Roma saranno tre giorni di fuoco causa maltempo. Il capo della Protezione civile Franco Gabrielli ha invitato i romani a "limitare gli spostamenti nei tre giorni più critici, soprattutto nel pomeriggio di lunedì". Si prevedono forti precipitazioni in tutta Italia e in particolare al Centro Sud. L'allerta nella Capitale è obbligata visto il caos in cui è precipitata la città, tra grandi polemiche, lo scorso gennaio causa neve. Gabrielli ha sottolineato  le priorità, tra cui "la gestione dei seminterrati, dove si dovrebbe provvedere alla rimozione per tempo delle merci maggiormente deperibili" e la rimozione "delle auto posteggiate in zone di depressione". Le zone potenzialmente più critiche sono quelle "di Ostia, Infernetto e Tiburtina valley, ma per via del mutamento climatico gli eventi possono interessare anche zone prima non interessate". E il direttore del dipartimento Ambiente-Protezione civile di Roma Capitale Tommaso Profeta precisa: "Sappiamo che ci sarà una perturbazione importante sulla città di Roma dall’ora di pranzo di lunedì fino a lunedì notte, con precipitazioni intense e abbondanti, che proseguiranno anche martedì, ma con intensità decrescente".

Alemanno: "Le scuole non chiudono" - Vuole però evitare ulteriori allarmismi il sindaco Gianni Alemanno. "Non stabiliremo la chiusura delle scuole né altri provvedimenti salvo nuove notizie". "Si tratta di un’emergenza abbastanza forte - ha spiegato il primo cittadino - anche se i suoi contorni non sono ancora definiti perché la Protezione Civile nazionale non ha ancora emanato un bollettino definitivo del meteo". Il sindaco ha tuttavia sottolineato che "i nostri esperti parlano di precipitazioni abbastanza violente e quindi bisogna fare attenzione: raccomandiamo a tutti di evitare gli spostamenti e di fare attenzione in particolare ai pianterreni". Riguardo poi alla battuta di Gabrielli, che questa mattina ironicamente ha detto "se piove oggi non è colpa del sindaco", Alemanno ha commentato: "E' stata una battuta quanto mai opportuna visto le polemiche sulla neve. E’ stato un gesto simpatico ricordare di non strumentalizzare gli eventi atmosferici".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • accanove

    15 Ottobre 2012 - 10:10

    .. al nord riceviamo neve, pioggia, grandine...se procedessimo così appena minaccia piovere...... 600 vigili in attività, straordinari pagati per poi far rientrare l'allarme (stamattina). Ma Roma è esentata dal patto di stabilità e non si sa ancora bene chi paga i buchi di bilancio comunale

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    13 Ottobre 2012 - 19:07

    Subito un Suv anfibio gratuito a tutti i consiglieri perché almeno loro , unici salvi dopo il diluvio,possano perpetuare la razza alla quale appartengono.

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    13 Ottobre 2012 - 18:06

    di sicuro chiamerà l'esercito!!!! poi darà la colpa ai comunisti,poi salirà su di un anfibio e porterà soccorso ai cittadini

    Report

    Rispondi

  • blues188

    13 Ottobre 2012 - 16:04

    Come sempre.. Anche De Magistris li ha già chiesti e tanto sa che Monti li concede. Ordini di Pannolitano.

    Report

    Rispondi

blog