Cerca

Sisma, Dario attacca il governo

"Niente fiducia al dl"

Sisma, Dario attacca il governo
E ora Dario Franceschini se la prende pure per il terremoto. Il segretario del Pd non ha ancora sbollito le accuse sulel 'leggi razziali' che già torna ad attaccare il governo. Questa volta sul banco dell'accusa c'è il decreto legge sul terremoto in Abruzzo. Il leader del centro-sinistra attacca il governo sulle misure per la ricostruzione delle aree terremotate dell'Abruzzo e sostiene che "il decreto così com'è non funziona". Poi attacca frontalmente: "Non vengono mantenute le promesse. Non ci sono le risorse né per l'emergenza né per la ricostruzione. Degli otto miliardi di euro annunciati, un miliardo è per il primo anno e 5,8 sono spalmati fino al 2032. L'Aquila deve essere ricostruita nei borghi e nel centro storico perché la gente vuole tornare nella città".Quindi avvisa la maggioranza: Non ci provi a mettere la fiducia sul dl, siamo pronti a lavorare insieme per migliorare il tutto, la fiducia troncherebbe tutto. C'è il tempo per cambiare rotta - aggiunto - ma così com'è il decreto non va e gli abruzzesi hanno diritto al rispetto degli impegni presi". Franceschini ha anche spiegato che nella ricostruzione devono essere coinvolti gli enti locali di qualsiasi colore e soprattutto servono finanziamenti straordinari perchè gli enti locali hanno esaurito i fondi.

Ma le accuse di Franceschini vengono duramente contestate dalla maggioranza: "È gravissimo che Franceschini, nella sua smania di polemizzare contro il Governo a tutti i costi, scelga di fare un intervento negativo e ostile perfino sulla vicenda del terremoto", ribatte Daniele Capezzone, portavoce del Popolo della Libertà; "Gli italiani potranno misurare la distanza tra un governo che fa e consentirà ai terremotati di tornare nelle loro case o di avere una nuova casa, e un'opposizione disperata, che tenta di speculare  perfino su questa disgrazia e sul dolore della gente", conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ludwigterzo

    09 Maggio 2009 - 15:03

    Non ha proprio niente di meglio cui pensare il povero ferrarese,provinciale e spaccone come la maggioranza dei ferraresi,capaci solo di criticare,invidiare e non fare mai nulla di buono per uscire dalla loro volgarità. Io sono;SIGH,ferrarese di nascita e residente,ma sono una donna,vedo come sono i miei concittadini maschi e conosco molto bene il Franceschini dai tempi delle elementari.Come posso dire della madre e della sorella,mia compagna e carissima amica,persone degnissime,non altrettanto posso dire del Dario:ciordo,arrogante,signor so tutto io,liceale dell'Ariosto,famosissimo istituto dal quale escono le persone più preparate e dove gli insegnanti,per dirne una,dicono che l'Italia confina con la Germania. E poi Dario viene alla Iperccop di Ferrara per rendersi conto che la gente compra solo la merce in offerta. Ehi! svegliati:è dai tempi del tuo Prodi che la gente compra la merce solo se in offerta e non da adesso,solo che quando la destra diceva di non aggiungere altre tasse,il prode Prodi ne ha aggiunte subito 67,tanto per dare una mano.Franceschini,dammi retta,non continuare così,noi ferraresi siamo già abbastanza mal considerati e tu confermi la regola. Meno male abbiamo un'intelligenza come Sgarbi che,in quanto ad arte,non è secondo a nessuno,sempre arrogante anche lui,ma preparato nella sua materia.Tu, invece, non sei riuscito a fare l'avvocato,ti sei esposto troppo in politica e stai distruggendo anche quel po' di PD che rimane.Un consiglio da ferrarese: Vai a scuola di dizione per migliorare un po' la tua parlata:è orribile sentirti(a parte le fregnacce),uno come te dovrebbe parlare un po' meglio,non come i paesani della bassa. Vedi,Sgarbi,parla molto meglio di te.

    Report

    Rispondi

blog