Cerca

Berlusconi sbarca on line

Aperto forzasilvio.it

Berlusconi sbarca on line
Si chiama www.forzasilvio.it, ed è attivo da poche ore. Il sito internet è stato voluto da Berlusconi per poter dialogare direttamente con i suoi elettori.L’idea è nata osservando Obama. Per la precisione il modo in cui l’attuale presidente degli Usa ha usato Internet per mobilitare gli elettori. «Alla fine della campagna elettorale si contavano oltre un milione e mezzo di cittadini registrati sul suo sito», ricorda Antonio Palmieri, responsabile del settore Internet e nuove tecnologie del PdL. È sul finire della corsa per le presidenziali Usa che lo staff del Cavaliere inizia a lavorare per creare anche in Italia un network che consenta agli elettori di partecipare sempre più attivamente alla vita politica. Bypassando le vecchie strutture di partito a favore di un contatto diretto con il leader destinato a sfociare in referendum online.
 Sulla home page, sotto il volto di un sorridente Silvio, capeggia lo slogan scelto per il lancio dell’iniziativa: «Scegli di impegnarti con me nel Popolo della Libertà». Dal leader agli elettori. Senza mediazioni. Sullo sfondo si alternano foto di cittadini qualunque: uomini in giacca e cravatta, ragazzi e ragazze al lavoro in ufficio e ai banchi di un mercato, studenti. Loro, Silvio e nessun altro. Nelle intenzioni del Cavaliere, il network dovrà essere l’arma con cui raggiungere la fatidica quota del 51%. Una volta registrati, i sostenitori di Silvio potranno dire la loro nei focus group. In futuro, sul modello di quel che accade in America sarà possibile utilizzare il network anche per effettuare donazioni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • melograno

    01 Dicembre 2009 - 09:09

    Meno male che Silvio c'è. E' unico. Se si attuasse il referendum sulla responsabilità dei magistrati, che il popolo aveva votato a larga maggioranza,i togati rossi avrebbe qualche remora a intraprendere procedimenti senza capo nè coda che hanno il solo scopo di amareggiare il Presidente e fargli spendere un sacco di soldi per la difesa. Bisogna fermare la magistratura che ormai èuna vergogna nazionale, con processi che si tramandano da una generazione all'altra e talvolta con sentenze che non stanno nè in cielo nè in terra. Se parliamo di processo breve, bisogna prevedere delle sanzioni per i magistrati lazzaroni o, come già avviene per i giudici tributari, pagare solo per ogni sentenza depositata: poco lavoro pochi soldi. Il Cavaliere è in grande, le persone razionali sono tutte con lui. WW BERLUSCONI

    Report

    Rispondi

  • Nicomede

    09 Maggio 2009 - 16:04

    Sono più che mai vicino a Berlusconi, spero che ne esca fuori pulito come sempre.

    Report

    Rispondi

  • Nicomede

    09 Maggio 2009 - 16:04

    Sono più che mai vicino a Berlusconi, spero che ne esca fuori pulito come sempre.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    09 Maggio 2009 - 15:03

    Preg/mo Direttore,interloquire direttamente con il Presidente è un'ottima pensata speriamo,però,che a fare da filtro trà i messaggi inviati e il ricevente vi siano delle persone in grado di valutare i messaggi seri inerenti le problematiche socio-politiche e quelli che sono soltasnto insulti gratuiti e blasfemi che nulla hanno a che fare con la politica e la decenza civica. Un bagno di folla fa sempre bene,sempreche,però vi sia una reciproca comprensione dei problemi che si vanno a discutere.L'incontro con le varie realtà popolari dovrebbe divenire materia di studi universitari perchè,dal popolo,come Vulcano,storia mitologica,finchè rimase con i piedi in terra era invincibile mentre,quando volle volare,morì ucciso. Chi vivrà vedrà e Berlusconi,ogni giorno che passa, è sempre una novità, che va studiata e presa sul serio. Distinti saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog