Cerca

L'omicidio di Palermo

Nessun segno di pentimento
dell'assassino di Carmela
La madre: "E' un bravo ragazzo"

Omicidio e tentato omicidio aggravati dalla premeditazione da motivi "futili o abietti" sono i reati contestati a Samuele Caruso

Migliorano le condizioni di Lucia, ma ancora non sa che la sorella è morta. Domani i funerali nella chiesa di Sant'Ernesto. Il Comune ha già annunciato il lutto cittadino
Nessun segno di pentimento 
dell'assassino di Carmela
La madre: "E' un bravo ragazzo"

 

Omicidio e tentato omicidio aggravati dalla premeditazione da motivi "futili o abietti" sono i reati contestati a Samuele Caruso. Il giovane di 23 anni che ha ucciso a coltellate venerdì scorso a Palermo la diciassettenne Carmela Petrucci, intervenuta per difendere la sorella dal suo assalto. Il Gip Maria Pino oggi ha convalidato il suo arresto. Caruso davanti al giudice è rimasto in silenzio, avvalendosi della facoltà di non rispondere e non ha mostrato alcun segno di pentimento. Sembra che soltanto alla fine del breve   interrogatorio, durante la firma dei verbali, abbia abbassato la testa, ma senza dire nulla. Sentito dai Pm subito l’arresto nella stazione ferroviaria di Bagheria, dove stava per salire su un treno e fuggire, l’assassino aveva confessato il delitto e aveva sostenuto di aver agito per gelosia. Voleva "punire" Lucia Petrucci per aver cominciato una nuova relazione sentimentale dopo la fine del loro rapporto. Contro di lei si era scagliato, ma Carmela ha cercato di difendere la sorella ed è stata uccisa. Poi Caruso ha inferito con venti coltellate contro la sua ex, che resta ricoverata in rianimazione all’ospedale Civico e non sa ancora della morte di Carmela. 

La madre difende il mostro - ''Mio figlio e' un bravo ragazzo. Giornali e televisioni lo hanno definito un killer ma non è così, non è un mostro. La nostra è una famiglia perbene''. Così, in un'intervista al Giornale di Sicilia, Maria Cardinale difende il figlio Samuele. ''Siamo profondamente addolorati per quello che e' successo - ha aggiunto la madre - un'esistenza è stata spezzata e non so cosa darei per riportare in vita quella ragazza''.

Complici - La procura di Palermo sta indagando su uno o più eventuali complici che venerdì scorso avrebbero coperto la fuga di Samuele Caruso. Il giovane, dopo avere ucciso Carmela sgozzandola e ferito gravemente la sorella Lucia si è cambiato la maglietta intrisa di sangue e poi ha preso il treno per Bagheria. Non solo. Secondo quanto raccontato dallo stesso assassino, rimasto ferito nella colluttazione, una signora incontrata per strada gli avrebbe fornito la benda per fasciare la mano. Dichiarazioni ritenute dalla procura, che coordina l’inchiesta, poco credibili. Il giovane potrebbe  essere stato aiutato da qualcuno.

"Non vogliamo avere paura" - I compagni di scuola di Carmela questa mattina hanno danno voce ai loro timori e alla loro angoscia. In centinaia gli studenti del Liceo Classico "Umberto I" si sono ritrovati nella vicina parrocchia di Santa Teresa del Bambin Gesù di via Parlatore. Con loro, loro il preside Vito Lo Scrudato e il parrocco padre Roberto Zambolin che li ha esortati: "E' terribile quello che è successo. Ma innamorarsi, vivere relazioni profonde, autentiche, è bellissimo e non bisogna avere paura di farlo".  "Occorre, però - ha aggiunto il sacerdote - sapersi innamorare. Dobbiamo rispondere alla paura e alla violenza con la voglia di restare uniti, ma anche con la decisione di intraprendere dentro di noi e insieme agli altri un cammino di formazione, di consapevolezza e di maturità relazionale. Questa comunità c'è sempre per voi, è al vostro fianco, è vicina a voi e vi offre, se volete, anche un percorso di crescita". La parola se la sono presa poi gli studenti che hanno rivolto il loro primo pensiero a Carmela "perchè il suo coraggio sia sempre fonte di ispirazione, non sono personalmente, ma dentro scelte collettive, decidendo innanzitutto di andare oltre la paura". E a Lucia, "perchè, insieme a noi, non perda fiducia nella vita e senta al suo fianco la comunità umbertina che deve camminare unita, oggi più che mai". C'è che ha rivolto un pensiero alle donne e ai tanti, troppi drammi che le insidiano, "perchè reagiscono a ogni forma di violenza, non trovandosi mai sole". E stasera alle 21, una fiaccolata, dal liceo fino in via Uditore, dove abita la famiglia Petrucci e dove Carmela è stata uccisa.

Domani i funerali - Intanto, nella camera ardente allestita al Policlinico di Palermo è un continuo via vai di gente, soprattutto di giovani. Fiori, soprattutto rose, e lettere vengono poggiate accanto alla bara bianca di Carmela. "Ti vogliamo bene", "Non ti dimenticheremo", si legge in alcuni fogli lasciati dagli amici. I genitori ricevono gli abbracci di tante persone alle quali chiedono di stare loro vicini come in questi giorni. E, poi, c'è la nonna, instancabile, la prima a intervenire per tentare di strappare alla morte la nipote. Domani, alle 11, i funerali nella chiesa di Sant'Ernesto. Il Comune ha già annunciato il lutto cittadino, con le bandiere a mezz'asta.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ceccopeppe1940

    22 Ottobre 2012 - 21:09

    Entro un breve spazio di tempo il giovanotto "sentira' i morsi della colpa"..conseguetemente per fare anche contenta la mamma,verra' affidato al solerte don mazzi(minuscola obbligatoria).Perdono e recupero,volete mettere!della vittima chissenefrega.Personalmente gli taglierei la testa.Nessuno tuttavia si ribella a questo stato di cose,le manifestazioni dei cittadini e studenti commossi non servono.L'Italia è un paese finito , ci si vive malissimo e non si si vede via d'uscita.Finira' a casino......i

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    22 Ottobre 2012 - 19:07

    il mio precedente commento non vuole mettere in secondo piano la bestialita' di questo delinquente schifoso che meriterebbe solamente un colpo in testa !!

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    22 Ottobre 2012 - 19:07

    hai pienamente ragione. adesso e' "moda" parlare di femminicidio, e' vero. e dici bene, morti sul lavoro quasi esclusivamente uomini e cosa piu' aberrante, la rovina (quando non si arriva alla morte) di tutti quei mariti separati che sono bistrattati, infamati, ridotti in miseria da mogli e da uno stato stupido, idiota e profondamente ingiusto !!!!!

    Report

    Rispondi

  • routier

    22 Ottobre 2012 - 18:06

    Meno male che è un bravo ragazzo. Provate a immaginare cosa avrebbe fatto se fosse stato mica tanto bravo? Una strage? Comunque ha ragione Borgofosco (commento n°1) però, per la precisione,il titolo è "Dei delitti e delle pene"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog