Cerca

Inchiesta a Napoli

Finmeccanica, arrestato un dirigente
"Forniture sospette a Panama"

Paolo Pozzessere, ancora in servizio, accusato di corruzione: la procura contesta anche rapporti con il faccendiere Lavitola

Finmeccanica, arrestato un dirigente 
"Forniture sospette a Panama"

 

L’ex direttore commerciale di Finmeccanica, Paolo Pozzessere, ancora in servizio nella società come senior advisor per i rapporti con la Russia, è stato arrestato nell’ambito della inchiesta della procura di Napoli su forniture all’estero effettuate dal gruppo. In particolare, l’accusa di corruzione internazionale mossa dai magistrati coordinati da Francesco Greco riguarda le forniture effettuate da Agusta Westland, Selex e Telespazio al governo di Panama nell’ambito di accordi stipulati con lo Stato italiano attraverso la società panamense Agafia, destinataria di compensi per intermediazione che per i magistrati era riconducibile ad un politico panamense e interposta nelle forniture attraverso l’attività del faccendiere Walter Lavitola, all’epoca consulente di Finmeccanica.  Perquisizioni sono in corso a Napoli anche nell’abitazione del presidente degli industriali Paolo Graziano, per una fornitura che riguarda invece il Brasile. Il numero uno degli industriali partenopei sarebbe indagato in questo filone di inchiesta.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ABU NAWAS

    24 Ottobre 2012 - 11:11

    Auguriamoci che avvenga senza ulteriori ritardi, con la separazione delle carriere, la responsabilità dei giudici,la dipendenza dei PM dal Min. della Giustizia,l'espulsione dei giudici politicizzati,ecc. ecc. Auguriamoci anche che il silente CSM, si decida ad intervenire e a impedire che i PM offendino Capi di Stato e portino al fallimento della FINMECCANICA! Potrebbero ritrovare sotto casa decine di migliaia di arrabbiati disoccupati.Che Iddio salvi gli Italiani dai PM malati di protagonismo, che stanno portando all'esclusione dell'Italia dal mercato internazionale delle armi.

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    23 Ottobre 2012 - 13:01

    Questi magistrati casti, puri e domiciliati oltrenuvole ignorano che in tutto il mondo tangenti e corruzione sono la norma per favorire vendite importanti specie in caso di forniture militari a paesi un pò così. Forniture che, nel caso specifico, corrispondono ad assicurare lavoro diretto ed indiretto in Italia. Qual'è l'indotto nazionale di indagini come queste?

    Report

    Rispondi

blog