Cerca

Le motivazioni

La Cassazione su Sallusti: "Carcere legittimo". Tutta colpa dei politici

La Quinta sezione: "Condanna eccezionale ma corretta. Ma manca una razionale e coerente riforma della pena"

La Cassazione su Sallusti: "Carcere legittimo". Tutta colpa dei politici

E’ legittimo il carcere nei confronti del direttore del Giornale Alessandro Sallusti: la quinta sezione penale della Cassazione ha emesso le motivazioni della condanna a 14 mesi per diffamazione a mezzo stampa del giudice Giuseppe Cocilovo. La corte ha rilevato come "la storia e la razionale valutazione di questa vicenda hanno configurato i fatti e la personalità del loro autore, in maniera incontrovertibile, come un'ipotesi eccezionale, legittimante l'inflizione della pena detentiva". Pena eccezionale,  ma legittima, dunque. Ma c'è di più: secondo la Cassazione la responsabilità è soprattutto politica, perché sul nodo della diffamazione manca una riforma coerente e razionale. "Il legislatore, la dottrina e la giurisprudenza si confrontano da tempo sul tema della concezione pluridimensionale della finalità della pena", spiegano i giudici della Cassazione, "senza raggiungere una condivisa scelta e una razionale e coerente riforma". 


 


"Spiccata capacità a delinquere"
- Leggendo le motivazioni della Cassazione, non può però sfuggire un passaggio pesantissimo: gli ermellini, citando la Corte europea, ricordano che il carcere per la diffamazione rientra tra le "ipotesi eccezionali" tuttavia legittime nei casi di "condotte lesive di diritti fondamentali". Nel caso specifico, la suprema Corte mette in evidenza "la spiccata capacità a delinquere, dimostrata dai precedenti penali dell'imputato" e "la gravità del fatto delineata dalle modalità di commissione di fatti caratterizzati da particolare   negatività". "Spiccata capacità a delinquere" perché Sallusti è "recidivo". Insomma, il direttore del Giornale ed ex direttore responsabile di Libero viene descritto come un delinquente patentato. E tutto perché a suo carico ha "sette pregresse condanne per diffamazione di cui sei in relazione all’ipotesi prevista  dall’art. 57 c.p.". Nel caso dell'articolo in questione (un commento firmato da Renato Farina, con lo pseudonimo di Dreyfus, su Libero del febbraio 2007) "nell’ambito di un lecito quadro di dissenso per la disciplina legislativa dell’aborto" si è attuata, secondo la Cassazione, una "illecita strategia di intimidatrice intolleranza, di discredito sociale, di sanzione morale, diretta contro il magistrato". 

"Sentenza scritta da infami" - Non si fa attendere la replica dello stesso Sallusti: "Chi ha scritto la sentenza contro di me è una persona infame", scrive il direttore del Giornale su Twitter. "Non si può giocare con la vita delle persone, il presidente della Cassazione dovrà risponderne anche a mio figlio", prosegue un combattivo Sallusti. E Antonio Di Pietro, leader Idv non certo imputabile di antagonismo nei confronti di giudici e magistratura, ribadisce: "Credo che ci siano altre maniere per sanzionare una diffamazione, sono tra i primi a dire che non bisogna mandare in carcere i giornalisti". Secondo l'ex pm "condannando al carcere c'è il rischio che alla stampa venga impedito di esprimere le proprie idee".  

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    25 Ottobre 2012 - 15:03

    Io, rammentando che Travaglio ha nove condanne per diffamazione, ho fatto una considerazione inerente al cento per cento all'argomento dell'articolo, dove si spiega che la predisposizione a delinquere di Sallusti (necessaria alla sua condanna al carcere) è stata spiegata dai giudici facendo leva sulle sue precedenti condanne per diffamazione. Dato che non ti avevo tirato in ballo, tu potevi far finta di non vedere ed evitare così la figura da cretino che hai fatto e insisti nel voler continuare a fare. Hai capito o ti devo fare un disegnino?!

    Report

    Rispondi

  • TheUndertaker

    25 Ottobre 2012 - 14:02

    I bookmaker inglesi hanno introdotto da alcuni giorni un nuovo tipo di scommessa. La scommessa è: quante parole di fila, in frasi di senso (quasi) compiuto, riesce a scrivere Ciannosecco senza pestare una bella m…a. Le quote attuali sono: 0-5 parole 2(cioè se punti un euro ne vinci due); 5-10 parole 1 (1 euro punti 1 euro vinci); 10-20 parole 0,1 (punti 1 euro vinci 10 cent.); oltre 20 parole 0,01 (punti un euro vinci 1 centesimo). Si può anche scommettere sull’ over, cioè nel caso che le merde pestate siano 2,3, etc. le quote rispettivamente raddoppiano, triplicano e così via. Consiglio il range 5-10 over2. C’è da arricchirsi, muovetevi perché prevedo che, via via che il giureconsulto andrà postando, le quote siano destinate a scendere.

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    25 Ottobre 2012 - 09:09

    guarda che tu non ti puoi permettere di dare nessuna lezione, tanto meno di natura grammaticale.

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    25 Ottobre 2012 - 00:12

    l'articolo si riferisce a sallusti o a travaglio? stiamo parlando dell'articolo scritto da renato farina, quello in cui mistifica fatti ad uso e consumo di voi maldestri berlusconiani, e pubblicato da sallusti o di articoli scritti da travaglio? no, perchè, il tema è questo, un articolo scritto da un ex giornalista radiato dall'ordine perchè solito scrivere dossier politici falsi. cambiare argomento è classico dei poveri deficenti. ps a me di travaglio frega assai poco, o mio caro ex comunista e ora berlusconiano. almeno così mi sebra, mi sebra che tu, per darti una sorta di credibilità, ti sei definito un ex comunista redento. caduto dalla padella alla brace, come si sul dire.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog