Cerca

Paura in calabria

Terremoto, altre tre scosse nella notte

Notte all'addiaccio per decine di famiglie. La Protezione civile: non è emergenza ma la gente ha paura

Terremoto, altre tre scosse nella notte

Notte all’addiaccio per decine di famiglie del comprensorio del Pollino investito da una forte scossa di terremoto. La paura non ha abbandonato le popolazioni dei comuni più colpiti, anche a causa del ripetersi di altre scosse di minore intensità che hanno tenuto in costante allarme le autorità e la cittadinanza.  A Mormanno, il centro maggiormente esposto ai movimenti tellurici di queste ore, Comune e Prefettura hanno allestito un centro di ricovero all’interno del liceo scientifico, dove hanno trovato riparto diversi nuclei familiari. In molti hanno dormito in auto, nei camper o in altri alloggi di fortuna. Situazione analoga a Laino Borgo, altro centro interessato dal terremoto. Stamani, a complicare la situazione, è arrivata la pioggia.   Sono intanto in corso le verifiche sulla situazione di edifici pubblici e privati messi a dura prova dallo sciame sismico che investe l’area da circa due anni.

Panico e scetticismo I cittadini sono spaventati, per questo nonostante le rassicurazioni non tornano a casa. Preferiscono passare la notte (che ormai comincia a diventares sempre più fredda) all'addiaccio. Il capo della Protezione civile Franco Gabrielli ha detto che la situazione "non è tale da dover dichiarare lo stato di emergenza nazionale". Ma la gente non è tranquilla. A pochi giorni dalla sentenza choc dell'Aquila che ha condannato a sei anni di reclusione i membri della Commissione Grandi Rischi ("Se la protezione civile ci convocherà, ripopnderemo ha detto il fisico Luciano Maiani che nei giorni scorsi ha rassegnato le dimissioni dalla presidenza) che a riunione del 31 marzo del 2009. pochi giorni dal grande sisma aveva rassicurato gli aquilani sull'improbabilità di una forte scossa. Impossibile stare tranquilli, ascoltare i consigli degli esperti che invitano a tornare a casa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Zorro70

    27 Ottobre 2012 - 13:01

    sembra che alcuni magistrati abbiano fatto scattare un avviso di garanzia alla scossa di terremoto di maggior magnitudo avvenuta l'altro giorno nel Pollino; avrebbe dovuto dare notizia del suo arrivo. Non facendolo ha violato la legge. Si attendono evoluzioni a breve. Non si esclude il processo per direttissima.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    27 Ottobre 2012 - 13:01

    Stamani hanno fatto vedere i danni che ci sono.Hanno fatto vedere una chiesa che minimo deve essere disastrata da 50 anni, aveva addirittura le piante e l'erba cresciuta sul sagrato. Per questa chiederanno minimo qualche milionata di euro. Le case lesionate sono solo delle vecchie catapecchie e tuguri, dove nemmeno le pantegane ci abiterebbero, ma questo sisma, ci costerà una montagna di milioni. Chiederanno danni per tutto, case,piazze,strade,cantine,scuole e quanto altro. Ricordiamoci, stiamo pagando ancora per il belice e per l'incendio di roma causato da Nerone.

    Report

    Rispondi

  • eovero

    27 Ottobre 2012 - 11:11

    questa foto l'hanno scattata da cento posizioni diverse per il terremoto dell'emilia non c'era tutto questo can.. can.. o ramadan...

    Report

    Rispondi

blog