Cerca

Niente passaggio in Aula

Il bluff del divorzio breve
Legge fantasma da 10 anni

Oggi ci vogliono cinque anni per una procedura consensuale. La Bongiorno: "Colpa delle resistenze del Vaticano e del mondo cattolico"

Il provvedimento, approdato a Montecitorio nel 2003, risulta "non calendarizzato"
Il bluff del divorzio breve
Legge fantasma da 10 anni

E' un bluff, quello del divorzio breve. Ma qui non c'entra il fatto che partiti e deputati, presi come sono da manovre di vario genere, finiscono quasi sempre per trascurare aspetti che toccano assai la vita dei cittadini. "Qui" accusa la presidente della commissione Giustizia Giulia Bongiorno, "c'entrano i soliti ambienti cattolici, legati al Vaticano, che fanno ostruzionismo perchè ritengono che il via libera al divorsio breve possa minare la solidità della famiglia. Quando invece - prosegue la Bongiorno - gran parte delle sofferenze e dei problemi nascono proprio dai tempi lunghi della procedura". oggi, per un divorzio consensuale, ci vogliono cinque anni, due sentenze, due avvocati e un fiume di euro. La legge punta ad abbreviare i tempi della separazione: da tre a due anni in presenza di bambini e da tre a uno per le coppie senza figli. E di conseguenza anche i tempi del passo successivo: il divorzio, appunto. Approdata a Montecitorio nel 2003 è stata subito bloccata da Lega e Udc (Casini era presidente della Camera). E poi è sparita nei meandri di Palazzo. "N.C.", non calendarizzata. Spiega Rita Bernardini: "E' evidente che c'è un veto da parte delle gerarchie ecclesiastiche, che fanno leva su alcune forze politiche perchè la conferenza dei capigruppo (che è quella che deide il calendario dei lavori, ndr) rinvii sine die la discussione della legge". I "radicali per il divorzio breve" hanno ora iniziato uno sciopero della fame. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianko

    30 Ottobre 2012 - 01:01

    cioè gli scemi secondo te sono solo i vecchi che hanno fatto appena le elementari; a parte il fatto che i laureati di adesso (non tutti ovviamente) valgono si e no i diplomati di 50 anni fa (e via a scendere) una volta ti selezionavano già a 11 anni per accedere alle medie (quelle col Latino) e gli insegnanti erano migliori di quelli odierni(io non ho mai avuto un prof che diceva 'uscite fuori il libro') a 12 anni un bravo prof di Storia ci spiegò perche Mussolini nel '34 schierò alcune Divisioni al Brennero, se lo chiedi anche ai laureati non lo sanno (devono andare su google) se ti interessa, giovane PIRLA, io ero ateo cosciente già a 12 anni quando mi parlarono di Feuerbach (digita 'gnurant!)

    Report

    Rispondi

  • fossog

    29 Ottobre 2012 - 10:10

    preti mafiosi interessati solo ai soldi tramite la presa in giro di cittadini con meno istruzione, con meno cervello, con meno capcità personali di capire e decidere. Attaccarsi al sovrannaturale per affrontare i problemi è idiota, ma i preti con gli idioti ci hanno costruito un impero. Sono sempre meno comunque quelli che ci cascano e soporattutto i giovani. Ma ci sono ancora i vecchi ignoranti, quelli con la 5^ elementare, quelli che ad es che ancora votano per abitudine i partiti morti, e sono ancora tanti. Per fortuna, e grazie alla natura, diminuscono di numero continuamente.

    Report

    Rispondi

  • paolodml

    29 Ottobre 2012 - 09:09

    pur essendo costantemente critico nei confronti del vaticano, questa volta credo c'entri poco. penserei piuttosto alla numerosa casta degli avvocati, presente numerosa in parlamento. un divorzio breve e soprattutto economico non conviene a nessuno. meglio allungare, pagare avvocati consulenti quando ci sono figli etc. tutti avvoltoi che speculano sui disagi altrui. e la nostra inetta e collusa classe dirigente permette tutto questo. mandiamoli a casa tutti, alle prossime elezioni..... RICORDIAMOCI!

    Report

    Rispondi

  • miradapositiva

    29 Ottobre 2012 - 08:08

    votare un partito cattolico!!!! invece di fare gli interessi del popolo italiano, rispondono solo ai diktat dello Stato Estero Vaticano! faccio un appello perchè scegliate un partito alle prossime elezioni - di destra, di sinistra o di centro - che nella campagnia elettorale non si dichiari cattolico!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog