Cerca

Le tolgono il cellulare

15enne si impicca

Le tolgono il cellulare
L'hanno trovata impiccata con un lenzuolo ad una delle grate del soffitto. M. aveva solo 15 anni e avrebbe festeggiato il suo sedicesimo compleanno il 20 agosto. Ottimi voti a scuola (la ragazzina frequentava l'istituto magistrale di Lecce), tanti amici e amiche, una famiglia con la quale, almeno apparentemente, andava d'accordo: non c'erano mai stati grandi problemi, se non le classiche incomprensioni tra genitori e figli adolescenti. Come quel cellulare toltole dal padre (è stato lui a trovare la sua bambina senza vita) per punizionee il divieto di uscire con un gruppo di amici,che alla ragazzina deve essere sembrato insopportabile. Proprio questo, infatti, sembra essere alla base del gesto. Domenica pomeriggio i genitori di M., padre negoziante e mamma casalinga, si sono avviati in chiesa, in un paese della provincia di Lecce, per celebrare la Comunione del figlio più piccolo. Anche M. avrebbe dovuto unirsi a loro, ma quando è stato il momento di uscire si è rifiutata: «Preferisco tornarmene a casa per conto mio e poi voglio uscire con i miei amici», avrebbe detto ai genitori, mandandoli su tutte le furie. «Se non vieni con noi non uscirai neppure con i tuoi amici» è stata la risposta, cui ha fatto seguito il sequestro del telefonino. Arrabbiata, la minorenne avrebbe poi trascorso tutto il pomeriggio chiusa in camera sua, al telefono con le amiche per sfogare la sua rabbia. Ma con nessuna di loro, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, M. ha manifestato il proposito di togliesi la vita. Sconvolti e increduli i genitori, che non vogliono accettare l'idea di un gesto volontario; è possibile che il suo gesto volesse essere solo un atto dimostrativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog