Cerca

Guai per Giggino

Il sindaco non paga la corrente, Napoli rischia di rimanere al buio

Dal 2010 il fornitore di energia elettrica non vede un euro. Il debito ora è di 40 milioni e la minaccia è di lasciare la città senza luce

Palazzo San Giacomo deve pagare subito un acconto per discutere poi la ristrutturazione del debito. Ma i soldi, dicono, non ci sono
Il sindaco non paga la corrente, Napoli rischia di rimanere al buio

Napoli rischia di rimanere al buio: il comune non paga da tre anni il consorzio che alimenta di energia elettrica l'illuminazione pubblica cittadina. I fornitori vantano un credito complessivo di 40 milioni di euro e starebbero valutando il gesto estremo: lasciare il capoluogo campano senza luce. Per evitare la debacle il sindaco Luigi de Magistris deve trovare i 2,5 milioni di euro di anticipo promessi ai fornitori per poi discutere la ristrutturazione del debito. Il pagamento sarebbe dovuto arrivare entro settembre, ma ancora non è stato effettuato. La prospettiva, ora, è che Napoli senza corrente nel periodo natalizio.

Il colosso della luce - Il consorzio Ati Citelum (di cui sono clienti diverse grandi città italiane) nel 2010 vince l'appalto per la fornitura di elettricità al comune di Napoli. Da quel giorno non è mai stato pagato. Alla guida di Palazzo San Giacomo si sono avvicendati due sindaci: la ulivista Rosa Russo Jervolino prima, e De Magistris oggi. Due giunte diverse che, però, si sono ritrovate nello stesso metodo: non pagare. "A noi ogni mese Napoli costa 1,6 milioni di euro - fanno sapere dagli ambienti del consorzio - oltre che 70 dipendenti, il comune non paga neanche la fornitura dei servizi indispensabili che, per legge, è obbligatoria".

Dal comune - C'era un accordo tra Palazzo San Giacomo e Ati Citelum: pagare entro settembre 2 milioni di euro, pagare regolarmente le mensilità fino a dicembre, ristrutturare il debito nel 2013. Ma è stato disatteso dal comune di Napoli. Sulla questione parla l'assessore al Bilancio, Salvatore Palma: "Mi pare evidente, abbiamo un problema di cassa. Ma servono soldi, serve un piano di ristrutturazione del debito. Non a caso siamo andati a Roma in piazza Montecitorio". L'assessore fa riferimento alla seduta della giunta tenuta per protesta a Roma. Ma non è l'unica manifestazionedi questi giorni: c'è anche quella dei dipendenti partenopei della Ati Citelum, in protesta contro il comune.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    08 Novembre 2012 - 16:04

    Pensa agli immigrati arabi del centro-nord che un giorno non lontano ve lo metteranno nel culo...

    Report

    Rispondi

  • oasis77

    08 Novembre 2012 - 11:11

    Infatti non è una notizia.. sono 60 anni che napoli, sicilia e tutte il sud è sul groppone dell'italia.. quindi rassicuro la società che avanza mln di euro che i soldi li avranno non si preoccupino.. la puzzona napoli e i napoletani non rimarranno senza luce

    Report

    Rispondi

  • paolino2

    08 Novembre 2012 - 07:07

    azz...che notizione! Potreste anche scrivere qualcosa sui delinquenti del PDL che ne dite?

    Report

    Rispondi

  • perfido

    07 Novembre 2012 - 21:09

    potrebbe essere definita la città "presepe" più bella del mondo. Il sindaco attua le tesi di Monti : rigore, bisogna fare economia e commercio : ECONOMIA (avanti) e COMMERCIO (dietro). Saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog