Cerca

Ultime dai vescovi

La Chiesa tiene duro:
no sesso prima delle nozze

Negli "Orientamenti alla preparazione del matrimonio" pubblicati oggi, la Cei ribadisce il requisito della castità. Vietata anche la convivenza

La Chiesa tiene duro:
no sesso prima delle nozze

La Chiesa non molla. Nei nuovi "Orientamenti pastorali sulla preparazione al matrimonio e alla famiglia", pubblicati oggi, i vescovi italiani hanno voluto ribadire il "no" ai rapporti sessuali prematrimoniali e alle convivenze provvisorie o di prova, e riproporre "la bellezza dell’amore umano con i valori correlati del pudore e della castità". Secondo i vescovi, la preparazione al matrimonio non è qualcosa d’improvvisato, ma - ricorda il documento - "un cammino graduale e continuo", da proporre "per tempo". Solo così i fidanzati possono giungere a considerare la loro come una "relazione umanamente matura" in cui si ravvisino i tre elementi della "identità", della "reciprocità" e della "progettualità" come coppia.  Il documento testimonia pure l’attenzione dei vescovi italiani a fenomeni come la convivenza e la presenza di persone di culture e religioni diverse, "per una lettura veritiera della situazione attuale e per offrire linee pastorali che vi possano corrispondere in modo sereno ed efficace".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    12 Novembre 2012 - 12:12

    Se non trombano davanti....trombano di dietro.Di certi sermoni se ne sbattono allegramente le b***le

    Report

    Rispondi

  • rivaod

    11 Novembre 2012 - 15:03

    Sono in molti a tenere "duro" soprattutto i ragazzi.

    Report

    Rispondi

  • Stefano-87

    10 Novembre 2012 - 04:04

    Quello che dice sarebbe assolutamente vero, e lo condividerei al 100 per 100, se la Chiesa non avesse peso politico. Ma siccome la Chiesa ha un enorme peso politico, principalmente in Italia, e di fatto influisce sulla vita di TUTTI i cittadini, allora tutti i cittadini hanno il sacrosanto diritto di contestarla. Provi a pensare a una coppia NON credente che è in ballo da cinque anni per un divorzio...

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    09 Novembre 2012 - 23:11

    Chi vuole fare il cattolico 100% lo faccia e non rompa le scatole agli altri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog