Cerca

Fiaccolata per le vittime

L'anatema dell'arcivescovo ai camorristi
"In chiesa neanche da morti"

L'arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe, vieta ai suoi sacerdoti di celebrare funerali agli affiliati dei clan

Durante la manifestazione il porporato ha detto: "Non ci può essere alcuna indulgenza nei confronti dei seminatori di violenza e morte. Siamo su sponde distinte e distanti"
L'anatema dell'arcivescovo ai camorristi
"In chiesa neanche da morti"

"Siete i veri sconfitti. Siete cadaveri che camminano, condannati a morte certa da voi stessi, sapendo che chi semina vento raccoglie tempesta. Se non vi pentite non  entrerete in chiesa neanche da morti. E’ quello che ho detto a tutti i miei sacerdoti". Un vero e proprio anatema contro i camorristi quello  lanciato dall’arcivescovo di Napoli Crescenzio Sepe, durante la marcia per le vittime innocenti della camorra alla quale hanno preso parte 1.500 persone . Da un palco il porporato ha tenuto un discorso, due pagine di intervento, con parole durissime di condanna nei confronti dei clan. "Non ci può essere alcuna indulgenza nei confronti dei seminatori di violenza e morte". "Siamo su sponde distinte e distanti. Questa Napoli, questa società, questa umanità non vi appartiene, perché voi siete altro, avete scelto di stare contro i vostri fratelli, contro l’umanità, contro la legge". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    12 Novembre 2012 - 12:12

    degli Anatemi che lancia il cardinale?Mamma mia....roba da non credere

    Report

    Rispondi

  • perfido

    10 Novembre 2012 - 19:07

    si perde l'occasione per tacere. La differenza sta nel fatto che, il camorrista, commette reati, mettendo a repentaglio la vita, a volte, con l'attenuante di tirare "avanti la famiglia"; invece, il prete, con l'autorità conferitagli dalla Chiesa, commette atti impuri. Entrambi, saranno comunque, giustiziati dallo stesso DIO, nostro Signore. Eminenza SEPE, sono cattolico credente e non camorrista. Sia lodato il Signore.

    Report

    Rispondi

  • D.P.F.

    10 Novembre 2012 - 17:05

    Ma non fu detto : Signore perdona ad essi, non sanno quel che fanno ? Un altro passo verso l'alienazione dei pochi rimasti a credere ancora a questi signori che credono come l'abito faccia il prete, il monaco, il vescovo, il cardinale. Ci vuol ben altra dimostrazione di coerenza ai principi che si vogliono inculcare agli altri ma non praticati da qualcuno di essi.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    10 Novembre 2012 - 16:04

    Sai quanto gliene frega ai camorristi?Mah!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog