Cerca

Aggredito e rapinato in casa

Anziano muore a Napoli

Aggredito e rapinato in casa
Lo hanno barbaramente aggredito in casa sua, legandogli le caviglie con un brandello di lenzuolo e spaccandogli uno zigomo, per derubarlo dei quattro miseri che aveva in casa. Quindi lo hanno lasciato lì, ai piedi del letto. L'uomo, ritrovato intorno alle 14 di irei, è morto qualche ora dopo, alle 18, per arresto cardiaco, provato dalle numerose lesioni riportate - anche alle caviglie e alle gambe a causa dei nodi che lo avevano immobilizzato - dopo essere stato trasferito dall'ospedale napoletano Fatebenefratelli al trauma center di di Caserta.
Un mese dopo l'assassinio di Franco Ambrosio, il 're del grano', ucciso con la moglie da una banda di romeni, un'altra rapina è dunque finita male a Napoli. Ma questa volta a farne le spese non è stato un capitano di industria, ma un pensionato di 78 anni, Salvatore D'Angelo, residente in un modesto monolocale al piano terra di via Marechiaro, a poche centinaia di metri dal luogo del massacro dei coniugi Ambrosio. Sulla porta di casa non sono stati trovati segni di effrazione ma la stanza era a soqquadro. Modesto il bottino: il portafogli e alcuni oggetti personali di scarso valore. Gli investigatori lavorano sull'ipotesi della rapina, ma non si escludono altre piste. Chi lo ha aggredito - una o più persone - potrebbe essere entrato dalla finestra. Quando è stato soccorso, D'Angelo era in stato confusionale e con varie contusioni sul corpo. L'allarme è stato dato al 118 da qualcuno che si era recato sul posto per portargli delle medicine - così ha spiegato un vicino di casa - e che non ha ricevuto alcuna risposta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sgrimola09

    14 Maggio 2009 - 11:11

    Un solo commento per siffatto atto di ferocia e' poco!Si attivino autorita',politici,amministratori:basta con le stupidaggini e l'aria fritta:controlli seri e severi e chi sbaglia in carcere a rieducarsi e scontare TUTTA la giusta condanna.Chi non ha la "scorta" e mezzi idonei ad una certa tranquillita' ha paura di uscire la sera,di aprire la porta ecc.ecc.Chi ci aiutera'?Zio gigi.

    Report

    Rispondi

  • sgrimola09

    13 Maggio 2009 - 10:10

    Sono giusto un pensionato di 78 anni e non vorrei fare la fine di quel poveretto!Le forze dell'ordine hanno troppi compiti che andrebbero razionalizzati meglio poiche' abbiamo un elevato rapporto cittadini-poliziotti.Pero' quando vengono presi i malfattori,a maggior ragione se hanno i colletti bianchi,processi VELOCI e PENE CERTE interamente da scontare.Mancano le carceri?Costruirle celermente e,nel frattempo,i delinquenti accertati custodirli anche magari in recinti di filo spinato e sotto tende o capannoni.Sono cattivo?Zio gigi.

    Report

    Rispondi

blog