Cerca

Bruxelles ci ripensa

L'Europa darà i soldi ai terremotati
L'Emilia torna a respirare

Sbloccati i fondi che erano stati negati per la ricostruzione delle zone colpite dal terremoto. Soddisfatto il governatore Errani

Una decisione che porta speranza in un territorio già piegato sotto le macerie
Finale Emilia

La torre dell'orologio di Finale Emilia dopo il terremoto

I soldi per i terremotati emiliani alla fine arriveranno. E'arrivato il via libera definitivo ai fondi Ue . "E' la conclusione che aspettavamo e per la quale abbiamo lavorato senza tregua" commentano Francesca Balzani, relatrice S-D per il bilancio 2012 e Giovanni La Via, PPE, relatore bilancio 2013. "Le incertezze sul finanziamento di questi aiuti - affermano - stavano creando confusione e sconforto nei cittadini. Questo sblocco totale, dopo molte tensioni, è anche il frutto dell’ottimo lavoro di squadra che il nostro Paese ha svolto. Tutti i livelli istituzionali si sono mossi in grande sintonia. Il Parlamento europeo ha svolto un ruolo decisivo mostrandosi pronto a bloccare tutti i negoziati se non fosse arrivato in tempi rapidi il via libera ai fondi per il terremoto. Una prova di grande solidarietà". Soddisfazione per il governatore dell'Emilia Romagna Vasco Errani: "La notizia dello sblocco dei fondi per il terremoto ci riempie di soddisfazione, questa è l’Europa che ci rappresenta tutti. Abbiamo fatto bene, sin da subito, a riporre fiducia negli impegni già presi dalla Commissione europea. Voglio ringraziare i parlamentari italiani ed europei, il nostro Governo e quanti si siano mobilitati per sostenere il giusto diritto delle popolazioni terremotate a un sostegno solidale che sarà molto importante nella fase di ricostruzione già avviata". L'accordo raggiunto oggi durante gli incontri preparatori dell'Ecofin dà un pò di fiato a chi lo ha perso nella polvere delle macerie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino-DePedis

    14 Novembre 2012 - 11:11

    sembra che martin schulz, politico tedesco definito da silvietto un capò, abbia difeso questo paese, e che abbia detto: "Il Parlamento europeo non può accettare giochi politici sulla possibilità per la gente di risollevarsi da una terribile catastrofe".

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    13 Novembre 2012 - 18:06

    porta soldi, che e' e' sta' sazzata di chiamare i soldi con nomi del cazzo. speranza? sono soldi, sordi, milioni. sti politici fanno finta che non sanno come si chiamano ma poi li pigliano a palate, li sordi. E quando li pigliano lo sanno benissimo come si chiamano. Soldi.

    Report

    Rispondi

blog