Cerca

Libertà di stampa addio

Diffamazione, l'Europa: "Grave passo indietro". Alfano: emendamento Pdl salva-Sallusti

Il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa: "Speravamo l'Italia tornasse in linea con gli standard europei". Angelino: "No al carcere per chi non ha scritto l'articolo"
Diffamazione, l'Europa: "Grave passo indietro". Alfano: emendamento Pdl salva-Sallusti

Il ddl sulla diffamazione approvato dal Senato a voto segreto, quello che prevede il carcere per i giornalisti condannati, mette in allarme anche l'Europa. Il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Nils Muiznieks, ha sottolineato come la libertà d'espressione sia ora più a rischio: "Un grave passo indietro - così da Strasburgo ha definito la legge -. La speranza era che l'Italia potesse tornare in linea con gli standard europei" in fatto di garanzie per i cronisti. Così non è stato. "Malauguratamente - aggiunge Muiznieks - adesso sembra che la nuova legge mantenga in vigore la possibilità della prigione per i giornalisti", un "messaggio negativo ad altri Paesi europei in cui la libertà dei media è seriamente minacciata".


Il Pdl si ribella - Alessandro Sallusti, il direttore del Giornale ed ex di Libero condannato a 14 mesi di galera per cui si è rivista la legge (con clamoroso effetto autogol), se l'è presa con la Casta dei politici ("Io andrò in carcere, voi sparirete nel nulla"). E qualche reazione, dagli stessi politici, c'è stata. L'emendamento sotto accusa è stato presentato dalla Lega (che tace) e l'altro firmatario Francesco Rutelli ha definito la legge "ineccepibile" e "in linea con l'Europa" (clamorosamente smentito da Muiznieks). Ma tra i 301 senatori che hanno votato sì, con un vero e proprio colpo di mano, alcuni appartenevano sicuramente al Pdl. Il segretario Angelino Alfano, però, esprime la linea contraria del partito: "Nel rispetto del voto di ieri in aula, presenteremo un emendamento al disegno di legge sulla diffamazione per evitare che qualcuno finisca in carcere per un articolo che non ha scritto. Ci auguriamo che il provvedimento possa evitare un precedente che non gioverebbe alla reputazione internazionale del nostro Paese". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sardapiemontese

    15 Novembre 2012 - 15:03

    perchè non ti fai trovare anche tu sotto casa di sallusti insieme ai poliziotti...potrai gustarti meglio la scena da vicino.... ma dai...demenziale...

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    15 Novembre 2012 - 14:02

    sono d'accordo con lei.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    15 Novembre 2012 - 14:02

    Fatti togliere il paraocchi mentale e cerca di remare nel mare della libertà individuale di pensiero. Fa bene alla salute dello spirito e della persona perchè elimina la cattiveria d'animo.

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    15 Novembre 2012 - 14:02

    secondo me, è l'artefice occulto dello spodestamento di bossi, del massacro mediatico del trota... il tutto finalizzato a prendere il posto del capo... come ministro dell'interno non poteva non sapere delle indagini mafiose su belsito....le ha utilizzate al momento opportuno per i suoi interessi.....tipico atteggiamento bolscevico....vedremo quanti, alle elezioni, lo premieranno....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog