Cerca

Odio razziale

Oscurato il sito neonazista
con blacklist degli ebrei italiani

Quattro persone arrestate e 17 denunciate per aver diffuso idee fondate sulla superiorità della razza bianca

Nella liste degli "indesiderati"  Gad Lerner, Maurizio Costanzo, il sindaco di Padova Zanonato e il deputato di Fli Alessandro Ruben
Oscurato il sito neonazista
con blacklist degli ebrei italiani

 

La sezione italiana del forum Stormfront è stata oscurata, come disposto dal gip Stefano Aprile su richiesta del pubblico ministero Luca Tescaroli, al termine dell’indagine per il contrasto di forme di incitamento all’odio razziale e all’antisemitismo. On line nei primi anni '90, Stormfront è un forum di discussione che sostiene la supremazia della razza bianca, antisemitismo e neonazismo.

In Italia viene alla ribalta per avere pubblicato una blacklist di ebrei italiani appartenenti al mondo della cultura, della politica, dell’informazione e della televisione. Nel dicembre del 2011 nella   lista nera finirono il sindaco di Padova, Flavio Zanonato, il presidente della Comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici, il presidente dell’Unione Musulmani d’Italia Adel Smith, monsignor Cesare Nosiglia, Laura Longo, pm di Torino, e i giornalisti Gad Lerner e Maurizio Costanzo. Tutti nel mirino del sito che diffonde commenti di carattere razzista e antisemista, come già era capitato ad altri nomi  di spicco, a cominciare dal deputato Fli e presidente della sezione italiana dell’Anti Defamation League, Alessandro Ruben, in passato più volte citato nei post degli utenti del sito e che più volte ha denunciato episodi di razzismo in rete.  Nel dicembre del 2011, sul forum oggetto di indagine, era stata pubblicata una discussione intitolata “lista delinquenti italiani”   contenente un elenco di personaggi italiani che avrebbero aiutato gli immigrati compiendo non meglio specificati “atti criminali” e  “traendo profitto economico”. Non solo: erano stati pubblicati filmati che riconducono la colpa della crisi economica mondiale ad un   “complotto giudaico” e video dal contenuto negazionista ell’Olocausto, di commenti oltraggiosi e diffamatori nei confronti di persone di religione ebraica.

Oggi la Digos di Roma e la Polizia Postale hanno eseguito 4 arresti e 17 perquisizioni. I provvedimenti sono stati emessi nell’ambito di un procedimento penale istruito per aver costituito un’associazione dedita alla diffusione di idee fondate sulla superiorità della razza bianca, all’odio razziale ed etnico, veicolate attraverso la rete internet e, in particolare, utilizzando la sezione in lingua italiana del forum Stormfront.org che, con provvedimento richiesto dal pm Tescaroli, ed emesso dal gip Aprile, è in via di oscuramento. Destinatari delle ordinanze di custodia cautelare sono stati il promotore dell’associazione e moderatore del forum www.stromfront.org/forum/f148, Daniele Scarpino, di 24 anni, residente a Milano, l'ideologo "Dani14"; Diego Masi, "Non conforme", trentenne della provincia di Frosinone, habituè degli stadi che deve scontare anche un anno di daspo, e Luca Ciampaglia, "Antilife", 23 anni, residente in provincia di Pescara, una condanna per aggressione alle spalle. Il quarto arrestato è Mirko Viola, 42 anni, "Biomirko", residente in provincia di Milano, descritto dagli investigatori come "utente particolarmente attivo in seno all’associazione ed al forum": tempo addietro è stato denunciato per minacce nei confronti di un uomo che aveva trovato da ridire sui festeggiamenti dell’anniversario di Adolf Hitler. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    17 Novembre 2012 - 01:01

    come da titolo

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    16 Novembre 2012 - 22:10

    Ma come fanno le democrazie ad oscurare un sito internet e poi farsi portavoce di valori di libertà fino ad essere tanto presuntuosi da credere di poter esportare democrazia? Se non ti va un sito non lo frequenti, muore lì e nessuno lo caga. Punto. Altro che libertà di espressione, la democrazia d'oggi è una tirannia oligarchica e tecnocrate. Bastardi.

    Report

    Rispondi

blog