Cerca

La "retromarcia" di Repubblica

Lacrimogeni sparati dal ministero?
Una balla: arrivavano dalla strada

I lacrimogeni al ministero

I lacrimogeni al ministero

Si trattava di una balla. I lacrimogeni non sono stati sparati dal Ministero, bensì dalla strada, come aveva subito chiarito il Questore di Roma Fulvio Della Rocca (che, in una confermenta stampa aveva detto: I lacrimogeni sono stati sparati “a parabola”, non diretti sui manifestanti. La traiettoria è stata deviata perché hanno urtato sull’edificio). Secondo la ricostruzione del questore, nel pieno dei tafferugli, i poliziotti avrebbero sparato i gas che, per errore, sarebbero finiti contro il muro del ministero di via Arenula, per poi cadere giù, tra i manifestanti. «Se ad un certo punto veniamo aggrediti militarmente è chiaro che dobbiamo reagire», aveva  anche aggiunto Della Rocca.  A mettere la parola fine alle illazioni di Repubblica sono stati i Carabinieri del Raggruppamento Investigazioni Scientifiche (Racis): il lacrimogeno a via Arenula che si vede nel video girato durante la manifestazione del 14 novembre scorso è stato sparato dall’esterno ed è rimbalzato sulla facciata del dicastero della Giustizia.

La perizia La relazione del Racis è stata consegnata al Guardasigilli Paola Severino e alla Procura di Roma che stanno indagando su quanto accaduto. Il video esaminato dai Cc del Racis, si legge nella relazione firmata dal generale Enrico Cataldi, "riproduce un impatto su cornice superiore della quarta finestra (a partire dallo spigolo sinistro) sita al quarto piano del ministero, di un solo artifizio lacrimogeno, poi fratturatosi in 3 parti". Il fermo immagine, si rileva nel documento, anche se tratto da un video disponibile sul web e non dal girato originale, supporta la medesima tesi: "gli artifizi in parola si compongono di 4 dischi contenenti materiale lacrimogeno che si sprigiona durante la traiettoria o all’impatto contro superfici producendo effetto fumogeno" e per i militari del Racis "è di tutta evidenza che la traiettoria ondeggiante può essere prodotta solo in fase di ricaduta e non in fase ascendente". La gittata dei lacrimogeni, evidenza ancora il Racis, è "dell’ordine di 100-150 metri" e dunque è "coincidente con il posizionamento delle Forze di Polizia all’altezza di Ponte Garibaldi, come osservabile dal altro video acquisito". I militari, nella loro relazione, parlano di un "ridotto margine di approssimazione" per le loro verifiche. Tra i reperti esaminati, la porzione di capsula di un lacrimogeno modello Folarm 4mm scomponibile, trovata nel cortile interno del dicastero di via Arenula assieme a un disco in origine unito alla capsula, e due parti di analoghi lacrimogeni con un disco, rinvenute su via delle Zoccolette. Noi ve l'avevamo detto. 

L'inchiesta interna Anche se la relazione del Racis conferma la versione data ieri dal Questore di Roma, secondo cui il lacrimogeno a via Arenula è stato sparato dall’esterno del ministero della Giustizia, continua l’inchiesta interna immediatamente avviata dal Guardasigilli Paola Severino per accertare in fatti. Per avere totale chiarezza sull'accaduto, si lavora per visionare i filmati registrati mercoledì scorso dalle telecamere posizionate presso i vari ingressi del dicastero. Intanto, sull'eventualità che qualcuno, da fuori, possa essere entrato nel palazzo, le testimonianze raccolte negano finora che ciò sia accaduto: il responsabile del reparto di Polizia Penitenziaria operante al ministero, Bruno Pelliccia e il capo di gabinetto, Filippo Grisolia, hanno riferito al Guardasigilli di non aver autorizzato l’ingresso di nessun esterno. Anche gli impiegati sentiti hanno affermato di non aver visto nessuno sporgersi o lanciare qualcusa dalle finestre del piano in questione.

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    19 Novembre 2012 - 00:12

    "le analisi" ma per piacere, ma chi ci crede? Finitela, siete patetici. Quei giovani hanno ragione contestano un tizio ABUSIVO messo lì da un golpe del vecchio malvissuto, con un governo eterodiretto che ci priva del cibo, della dignità e della speranza. Dovremmo andare TUTTI in piazza e menare DI BRUTTO altro che storie!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    18 Novembre 2012 - 18:06

    Insisto, che la prossima volta i poliziotti se ne stiano a casa! Che lascino queste larve politiche sole a fronteggiare i "giovani che protestano"! Sinceramente, io preferirei vedere uno di quei giovani prendere a randellate la Fornero che non un poliziotto al quale, peraltro, dopo 12/14 ore di piazza,avranno negato pure lo straordinario, che tanto soldi non ce ne sono! Che vada quel flaccido di Monti, la prossima volta, a fronteggiare i manifestanti. Lui ha fatto la frittata che lui, il salvatore, vi metta rimedio.Poi ridiamo!

    Report

    Rispondi

  • kajo

    18 Novembre 2012 - 16:04

    Noi che normalmente ci scambiamo pareri ed opinioni con i colleghi, al bar o in famiglia non possiamo che valutare i fatti attraverso le notizie che ci pervengono dai media. Nel caso specifico qualcuno più scafato ha subito rilevato che fumogeni non potevano provenire dall'alto, altri, e mi riferisco alla massa inclusi gli esagitati, hanno preso per oro colato, e forse non aspettavano altro, la strumentalizzazione scaturita da taluni mezzi di informazione che rimangono i soli responsabili di questi incendi appiccati un pò dappertutto. Oggi attraverso la rete si propagano cazzate in giro a velocità impressionante, bisogna quindi riflettere due volte prima di partire in quarta. Dovremmo forse contare su una stampa più cauta e responsabile , ma a questo punto il discorso si complica.......

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    18 Novembre 2012 - 15:03

    Nessuno dubita che tu sia un vero esperto di "ballistica".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog