Cerca

Ciampino

Forza un varco per non perdere l'areo. Stroncato in pista dopo un sedativo dei medici dell'aeroporto

Il giovane spagnolo ha tentato di non perdere il volo della Ryanair. Agitato è stato sedato dai medici dell'aeroporto, poi muore
Forza un varco per non perdere l'areo. Stroncato in pista dopo un sedativo dei medici dell'aeroporto

Un turista, dopo essere stato colto da un malore, è deceduto sotto bordo di un aereo in pista all’aeroporto di Ciampino. Secondo quanto si è appreso, il giovane, di nazionalità spagnola, M.J.L, 25 anni, questa mattina, intorno alle ore 7, per non perdere l’aereo, avrebbe forzato un varco di controllo e si sarebbe diretto in pista diretto verso un velivolo della compagnia Ryanair in partenza per Bari, che nel frattempo stava imbarcando i passeggeri. Quando il giovane ha tentato di salire a bordo e si trovava sulle scalette dell’aereo, non avendo la carta di imbarco è stato bloccato dal personale di volo, ma il passeggero, in forte stato di agitazione, si è avvinghiato sulla scaletta dell’aereo e non voleva più scendere, poi si è accasciato al suolo ed è deceduto. Immediato l’intervento dei medici e delle forze dell’ordine. Sul luogo è presente anche il Direttore della V Zona della Polizia di Frontiera, Antonio Del Greco. 

E’ stato immediato l’intervento dei medici del pronto soccorso dello scalo di Ciampino che si sono recati in pista per cercare di calmare. Secondo quanto si è appreso, il giovane, quando sono intervenuti i medici dello scalo romano, era già in preda ad un fortissimo stato di agitazione. Loro gli hanno somministrato un sedativo. Ma non è servito a calmarlo. Il giovane è morto sulla pista. Sul posto è presente anche il Direttore della V Zona della Polizia di Frontiera, Antonio Del Greco, che ha già provveduto a far avvisare il Consolato spagnolo per contattare i genitori del giovane. Della vicenda si sta occupando la Procura di Roma che ha già aperto un fascicolo. In tasca del passeggero, tra l’altro, gli agenti intervenuti, avrebbero trovato alcuni blister contenenti dei farmaci, che ora sono stati posti sotto sequestro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi primo

    17 Novembre 2012 - 13:01

    oggi...........e domani?!?!

    Report

    Rispondi

blog