Cerca

In carcere

Milano, il prete di San Vittore arrestato per violenze sessuali

In manette don Alberto Barin. Violentava i carcerati in cambio di piccoli favori: dalle bionde allo shampoo. E' indagato anche per il reato di concussione

Don Alberto Barin

Don Alberto Barin

E’ stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale don Alberto Barin, cappellano della casa circondariale di Milano, il carcere di San Vittore. Nel pomeriggio di venerdì 20 novembre, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, gli uomini della squadra mobile e della polizia penitenziaria lo hanno arrestato. Il cappellano deve rispondere di violenza sessuale nei confronti di sei detenuti. Inoltre, è indagato per il reato di concussione.

Abusi per le sigarette - Don Alberto Barin, cappellano della casa circondariale di San Vittore a Milano deve rispondere di violenza sessuale e concussione nei confronti di 6 detenuti. Per 4 delle 6 vittime ci sono anche i filmati degli abusi perpetrati dal cappellano del carcere. Filmati che riprendono il prete mentre abusa delle sue vittime e dopo offre alle stesse saponette, shampo o sigarette, beni primari per chi è in carcere. Non solo: le telecamere sono state installate dagli uomini della Squadra mobile di Milano  anche nella sua abitazione dove le vittime, una volta scarcerate per fine pena, venivano ospitate e abusate.

La testimonianza - Come detto, le vittime sono almeno 6, tutte giovanissime ed extracomunitarie. Gli abusi del prete, classe 1961, sono emersi grazie alla testimonianza di un giovane extracomunitario di origine africana che ha raccontato agli agenti di essere stato violentato da un altro detenuto, ma poi ha confessato che ad abusare di lui era stato anche don Barin. Il racconto è stato verificato con intercettazioni ambientali e telecamere. Abusi e palpeggiamenti, in gran parte, sono avvenuti all'interno dell'ufficio del cappellano, nel carcere di San Vittore, e nell'abitazione del prete a pochi passi da piazza Filangeri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    22 Novembre 2012 - 13:01

    ..scusi, ma lei difende ad oltranza una persona spiata e controllata prima di essere formalmente accusata. A me lei un dubbio lo lascia.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    22 Novembre 2012 - 13:01

    Si dirà per l'ennesima volta che i preti sono uomini e come tali posso sbagliare. È no cari difensore di questa categoria. Non sono uomini come gli altri sono persone che hanno scelto per " una loro missione" un impegno formale davanti a Dio a sostegno e di aiuto ai bisognosi e ai sofferenti.Dio non ha mai avallato che questi preti potessero comportarsi in modo simile.Vale per i preti gay e per quelli che tampinano le donne o molestano bambini.A loro riserverei un trattamento speciale...che non approfondisco, ma che si può immaginare.La Curia e il Vaticano sicuramente tacieranno ...come spesso accade.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    21 Novembre 2012 - 15:03

    ...in cella con una dozzina di robusti tunisini...

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    21 Novembre 2012 - 15:03

    Ho sempre sostenuto che il fumo prima o poi fa male!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog