Cerca

Il sequestro lampo

Rapimento Spinelli, la chiavetta usb dei rapitori era vuota

I supporti digitali proposti come merce di scambio dai banditi erano vuoti. Il ragioniere del Cav non ha visto il materiale esclusivo che i suoi aguzzini dicevano di avere, ma ha proposto lo stesso a Berlusconi di pagare 5 milioni per entrare in possesso

Dai primi interrogatori risulta che neanche tutti i fuorilegge sapessero che la chiavetta fosse vuota. Avanza il sospetto che fosse un bluff
Rapimento Spinelli, la chiavetta usb dei rapitori era vuota

Era vuota la chiavetta usb proposta come merce di scambio a Silvio Berlusconi dalla banda di rapitori del ragioniere Giuseppe Spinelli. I sei banditi, che hanno tenuto in ostaggio il collaboratore del Cavaliere e la moglie nella notte tra il 15 e il 16 ottobre, non avevano con loro né le presunte ragistrazioni che avrebbero messo in difficoltà Carlo De Benedetti sulla sentenza Mondadori, nè materiale su incontri equivoci del presidente della Camera Gianfranco Fini con i giudici della sentenza. E' quanto emerge dai primi interrogatori tenuti con tre dei sei arrestati e dalle dichiarazioni dello stesso Spinelli. Avanza il sospetto che i rapitori abbiano tentato la carta del bluff.

Il computer non funziona - A raccontare agli inquirenti la circostanza è il ragioniere del Cav. "Al mattino, quando siamo usciti dalla camera da letto - ha detto - ho visto che il computer era acceso e ho detto 'beh meno male, siamo in grado di vedere sia il contenuto della chiavetta che quello dei dvd'". Di fronte a questa proposta, i rapitori si sarebbero tirati indietro sostenendo che il formato dei file in loro possesso non era compatibile con i programmi in uso sul computer. Spinelli avrebbe insistito ricordando di avere anche "due videoregistratori, sia HiFi che mono", ma i banditi hanno eluso anche questa richiesta. Stando a quanto emerge dagli interrogatori, non tutti i componenti della banda erano al conoscenza del fatto che sulla penna non vi fosse nulla. Al momento, dei contenuti talmente straordinari da valere un riscatto di 35 milioni, rimane solo il foglio A4 di appunti fatto leggere a Spinelli perché ne riportasse il contenuto a Berlusconi. Il ragioniere, liberato all'alba dai rapitori senza aver potuto visionare il materiale che questi millantavano di avere, ha comunque invitato Berlusconi a pagare una prima tranche da 5 milioni di euro per assicurarsi i documenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TheUndertaker

    23 Novembre 2012 - 19:07

    Una chiavetta è una memoria esterna che contiene solo dati e relativi indirizzi e non aree riservate al sistema operativo (come sul disco fisso) ove potrebbero trovarsi frammenti di documenti lasciati da operazioni di salvataggio automatico, paging o altro. Se, per semplificare, una chiavetta dalla capacità di 100 byte + 10 per gli indirizzi, fosse occupata da un testo di 100 caratteri e si cancellasse, con le normali funzioni di cancellazione file, il testo. Il sistema si limiterebbe a modificare l'area indirizzi, lasciando il testo inalterato. In questo momento il testo sarebbe recuperabile. Ma se archivio un nuovo testo di 100 caratteri, questi verrebbero registrati nei 100 byte disponibili, le cui configurazioni di bit sarebbero modificate irreversibilmente. Sul disco fisso del computer potrebbe esserci una qualche memoria del documento precedente, ma non sulla chiavetta. Sarebbe come se in una bottiglia da un litro piena d'acqua volesse mettere un litro di vino senza togliere l'ac

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    23 Novembre 2012 - 17:05

    Avanti un altro!!! Eccolo qui un altro sapientone alla biri, che crede di essere l'unico depositario dello scibile umano. Guarda caro arrogante e supponente trinariciuto che la storia dei bit e dei byte oramai la insegnano ai bambini delle elementari, capito imbecille pirlone sotuttoio.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    23 Novembre 2012 - 17:05

    "Per quanto mi riguarda: più di 30 anni, nel campo del software, nell'unica realtà italiana che abbia progettato e costruito elaboratori elettronici diffusi in tutto il mondo" A parte che,SemiAnalfabeta pagliaccio,elettronici si scrive con due"T",secondo, un mezzo hacker in cinque minuti ti ridicolizzerebbe a te e a noidi,l'altro coglione che non sa neppure leggere.Ritirati a farti una sega in bagno e subito dopo falla pure a noi.

    Report

    Rispondi

  • TheUndertaker

    23 Novembre 2012 - 16:04

    Se, come lei afferma, il Biri è un esperto di "chip", siete capitati male, amici bananas incompetenti e sboroni. Per quanto mi riguarda: più di 30 anni, nel campo del software, nell'unica realtà italiana che abbia progettato e costruito elaboratori eletronici diffusi in tutto il mondo: Olivetti Divisione Elettronica - General Electric - Honeywell Information System Italia - Honeywell Bull - Bull Italia. Ritiratevi in punta di piedi...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog