Cerca

Toto-giunta

Regione Sicilia, Crocetta propone allo scienziato Zichichi l'assessorato ai Beni Culturali

Il presidente vuole chiudere entro lunedì l'esecutivo regionale e propone allo scienziato classe '29 l'assessorato già rifiutato dal cantautore siciliano

Regione Sicilia, Crocetta propone allo scienziato Zichichi l'assessorato ai Beni Culturali

Dove non vuole andare un cantante, ci può stare un fisico delle particelle elementari. Rosario Crocetta, neo-eletto presidente della Regione Sicilia, propone ad Antonino Zichichi, luminare della scienza con origini trapanesi, l'assessorato ai Beni Culturali, lo stesso rifiutato dal cantautore Franco Battiato perché troppo impegnativo. In attesa della risposta di Zichichi (cavaliere della Repubblica e medeaglia d'oro ai benemeriti per il proprio lavoro di ricerca e divulgazione scientifica), Crocetta si crogiola nella "giunta di alto profilo che sto formando". Ha ingaggiato Battiato al Turismo, Lucia Borsellino, il pm antimafia Nicolò Marino e la funzionaria di Confindustria Linda Vacheri, e per lunedì la scadenza per la chiusura dell'esecutivo. "Sono convinto che Zichichi accetterà perché ama molto la Sicilia", dice Crocetta. Che approfitta per lanciare una stilettata a Pd e Udc, partiti che l'hanno sostenuto e che si aspettavano maggiore considerazione: il presidente annuncia di non voler più andare agli appuntamenti con i partiti ma di aspettare che gli stessi partiti gli indichino la rosa dei nomi che “devono essere di alto profilo e non di deputati”. Proprio la scelta di Zichichi, per Crocetta, "vuole essere un segnale ai partiti" perchè comprendano che occorre puntare su personalità "per segnare una vera svolta in Sicilia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nevenko

    10 Dicembre 2012 - 21:09

    chiamano anche la Montalcini in Sicilia?

    Report

    Rispondi

  • Robinfood

    24 Novembre 2012 - 16:04

    In questi momenti per lui complicati, secondo me l'on. Di Pietro potrebbe prendere in considerazione una proposta seria. E' uomo di esperienza e di cultura, un innovatore nell'uso delle forme verbali, esperto nell'individuazione di collabortori abili e fidati, introduttore, nella noiosa vita politica italiana, di personaggi capaci di rallegrare e movimentare l'ambiente (Scilipoti docet), insomma, a noi la nostra croce e a lui il suo Crocetta. Vada in Sicilia, onorevole, per noi ha già fatto troppo, ora tocca ai Siciliani.

    Report

    Rispondi

blog