Cerca

Protesta e vergogna

Roma, i cortei paralizzano la città
"Tutti al ministero della Giustizia"

Roma paralizzata per la manifestazione di Cobas, studenti: slogan razzisti e bottiglie contro il dicastero. In strada scendono anche i neofascisti di Casapound

Roma, i cortei paralizzano la città
"Tutti al ministero della Giustizia"

 

 

Dieci giorni dopo lo sciopero europeo e gli scontri in tutta Italia, studenti, sigle e sindacati tornano in piazza. Ma non solo loro: a Roma, per esempio, nel pomeriggio sfilano anche i neofascisti di Casapound. Nella capitale, paralizzata da scioperi e manifestazioni, un migliaio di poliziotti sono schierati in difesa della zona rossa, di ministeri e palazzi delle istituzioni. Obiettivo dei manifestanti, violare la zona rossa e raggiungere questi "traguardi", ossia arrivare "tutti al ministero della Giustizia".

Petardi e slogan antisemiti - La giornata, fino ad ora, è proseguita senza particolari incidenti. Fa eccezione il lancio di petardi e bottiglie contro il ministero della Giustizia in via Arenula, avvenuto nonostante la presenza di blindati e forze dell'ordine. Poi, dallo stesso corteo, tra piazza Venezia e verso il Colosseo, ecco gli orribili slogan antisemiti, tra i quali "lo stato di Israele va distrutto". Poi altri slogan: "Siamo tutti antifascisti", "abbiamo riconquistato i nostri spazi".

Negozi chiusi - Il prefetto della Capitale, Giuseppe Pecoraro, ha creato un cordone di forze dell'ordine in difesa dei palazzi delle istituzioni. Disagi per la capitale, dove il traffico era in tilt e dove diversi negozianti hanno preferito tenere chiusi i propri esercizi per evitare danni e atti di vandalismo. Il coreto dei Cobas e quello degli studenti si sono uniti all'altezza di piazza Sant'Andrea della Valle, nei pressi del Senato, e il serpentone proseguiva verso Lungotevere, dove lo scorso 14 novembre si erano consumati gli scontri più accesi e violenti. Diversi studenti, per fare ironia sul divieto di portare elmetti protettivi, hanno indossato uno scolapasta.

"Massima democrazia" - Il corteo dei Cobas si è concluso a Sant'Andrea della Valle, e secondo il portavoce nazionale, Piero Bernocchi, era composto da "circa 10mila persone". I partecipanti, sempre secondo il portavoce, sarebbero aumentati durante il percorso. Il portavoce ha spiegato: "E' stata una giornata di massima democrazia". Poi le critiche alle regole delle manifestazioni: "L'Italia è l'unico paese dell'Europa occidentale dove non si può manifestare sotto i palazzi del governo. Perché, se contestiamo le politiche governative?".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LENABOGOSSIAN

    26 Novembre 2012 - 10:10

    Debbono essere stroncate sul nascere queste rinascite antisemite che in special modo a Roma ammorbano l'aria!! Lo Stato deve prendere coscienza che una parte dei suoi cittadini è oltre che diseredata (la parte che va avanti e che distrugge) ha in testa uno o più mandanti che hanno l'esatto intento di squassare il nostro ordinamento. Alla gogna questi dannati antisemiti!! Come anni e anni fa, in Sicilia ci furono I VESPRI SICILIANI contro la mafia, anche nelle città dove c'è questo dannato "rigurgito" mandiamo i nostri soldati a sedare e a cassare chi si permetti di molestare gli Italiani di altra confessione.

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    24 Novembre 2012 - 20:08

    ignorante, solo i sx manifestano, i dx fascisti non manifestano, picchiano i sx e gridano slogan antisemiti (si vede che gli piacciano gli arabi mussulmani; chissà perchè)

    Report

    Rispondi

  • nevenko

    24 Novembre 2012 - 18:06

    un corteo non si può definire pacifico ma razzista e guerrafondaio si'.

    Report

    Rispondi

  • pietropappa

    24 Novembre 2012 - 18:06

    chissà perchè solamente i coglioni di sx possono manifestare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog