Cerca

Nel mirino

Rapimento Spinelli, Copasir indaga sugli 007 di Berlusconi

Sotto la lente del Copasir il lasso di tempo passato tra il sequestro lampo e la denuncia all'autorità giudiziaria: nel mirino la scorta dell'ex premier

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

 

Tutto come previsto: la vittima diventa "colpevole". Il caso è quello del sequestro del ragionier Giuseppe Spinelli, il cosiddetto "cassiere" di Silvio Berlusconi. Si apprende che i servizi segreti avvieranno un'indagine interna per approfondire i fatti che si sono succeduti nell'ambito del rapimento-lampo. L'indagine, nel dettaglio, riguarderà soprattutto il lasso di tempo intercorso tra il sequestro e la ritardata denuncia all'auotrità giudiziaria. I servizi, si è appreso, esamineranno anche se la scorta di Berlusconi e gli uomini della sicurezza ebbero un ruolo in questa vicenda. La notizia è stata fatta filtrare da alcuni Commissari al termine dell'audizione al Copasir del direttore dell'Aisi, Esposito.

Le 30 ore - Il rapimento di Spinelli avvenne nell'abitazione del ragioniere la sera del 15 ottobre: verso le 21.45 fu aggredito da un paio di uomini che, pistole in pugno, lo sequestrarono in casa. I malviventi chiedevano a Berlusconi una cifra tra i 30 e i 35 milioni di euro. In cambio offrivano materiale informatico che, secondo quanto affermavano, sarebbe stato in grado di ribaltare la sentenza civile d'appello sul lodo Mondadori, che è costata all'ex premier 560 milioni di euro. Il sequestro, messo in atto da una banda di sei persone, si concluse la mattina successiva. Il 16 ottobre Spinelli si recò ad Arcore dal Cavaliere, e della sicurezza del ragioniere se ne fecero carico le guardie del corpo di Berlusconi. La denuncia fu presentata 30 ore dopo il termine del rapimento: è su quanto è avvenuto in questo lasso di tempo che il Copasir vuole far luce.

L'audizione - Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica oggi, giovedì 29 novembre, ha sentito il direttore dell'Aisi, il generale Arturo Esposito, in merito alla riorganizzazione dell'Agenzia in relazione al rafforzamento dell'attività in materia di cyber-crime e di intelligence economica e sulla situazione dell'ordine pubblico. Il direttore dell'Aisi - si legge in una nota del Copasir al termine dell'audizione - ha inoltre riferito al Comitato sulla recente vicenda del sequestro di Spinelli e sul ruolo svolto dal personale assegnato alla tutela dell'ex presidente del Consiglio. Al riguardo, è stato comunicato che su tale aspetto è stata avviata una indagine interna del cui esito il Comitato sarà informato.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • manuelebonbon

    01 Dicembre 2012 - 17:05

    hai ragione e mi scuso dell'errore che non è il primo e non sarà l'ultimo.Spero che l'amico under mi conceda la sua benevola tolleranza e non mi bacchetti come uso fare. Comunque, spiscettante, non credo abbia bisogno di molte spiegazioni :D

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    01 Dicembre 2012 - 12:12

    Perché non pensi a scrivere pubblicazioni farlocche sui tuoi chip, invece di venire qui a filosofeggiare stupidaggini e pappagallare il tuo compagno di merende, il prof impresario di pompe funebri con la fissa della grammatica ?

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    01 Dicembre 2012 - 12:12

    Caro il mio bumbum, guarda che non si scrive "GARULLO" ma "GARRULO" e sorvolo sullo "spiscettante", che poi ci spiegherà il prof undertaker cosa significhi, sempre che si periti di farlo con un compagno e non soltanto con i destrorsi, solo per dimostrare che non sanno l'"Itagliano".

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    30 Novembre 2012 - 22:10

    Quasi mi dimenticavo di farti notare che, quando si ha a che fare con degli emeriti stronzi come te, la coprolalia viene spontanea.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog