Cerca

Libertà di stampa addio

Il giudice Cocilovo lo perdona
Sallusti resterà ai domiciliari

Alessandro Sallusti

Il giudice Giuseppe Cocilovo, la vittima della diffamazione per la quale Alessandro Sallusti è stato condannato, apre uno spiraglio sulla strada della soluzione dell'assurda vicenda. Sentito da Repubblica, non senza ritrosia di fronte alle domande incalzanti di Liana Milella, alla fine ha ammesso: "Sì, il perdono glielo posso anche dare". Poi aggiunge: "Io non ho mai pensato al carcere per Sallusti. Ma perché l'Ordine professionale non interviene e non emana provvedimenti disciplinari? Avrebbero potuto fermarlo per 15 giorni, per un mese...".

Intanto Alessandro Sallusti resta agli arresti domiciliari. Lo ha deciso il giudice della Sorveglianza di Milano, Guido Brambilla, che ha respinto l’istanza presentata sabato scorso con la quale la difesa del giornalista chiedeva che Sallusti scontasse la sua pena a 14 mesi di detenzione in carcere.   Il direttore del giornale, condannato a 14 mesi per diffamazione, aveva manifestato la sua volontà di andare dietro le sbarre evadendo dai domiciliari. In una mattinata convulsa, sabato 1 dicembre, Sallusti era stato arrestato in diretta tv, era stato portato ai domiciliari nella casa della sua compagna, l'onorevole Daniela Santanché, ma subito dopo aveva violati gli obblighi varcando la soglia di casa. Da qui l'arresto anche per evasione, per cui è stato processato per direttissima. La sentenza è prevista per giovedì 6 dicembre. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iusini

    05 Dicembre 2012 - 14:02

    che questo giudice non abbia nessun senso del ridicolo.Dopo aver intascato un bel gruzzolo vuole farci credere di avere un animo cosi buono e gentile al punto di dichiararsi disposto a perdonare.Ma chi dovrebbe perdonare se Sallusti non ha fatto nulla ed e' stato condannato solo x la protervia di questa magistratura di cui questo sig.Cocilovo fa parte.E parlando di onorabilita',la lezione che Sallusti da al sig.Cocilovo e'fuori da ogni confronto.Io.se dovessi incontrarlo,farei fatica a trattenermi dallo sputargli in faccia.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    05 Dicembre 2012 - 13:01

    ....i giudici possono perdonare o devono applicare la legge? Se così fosse sarebbe come dare a loro potere di vita e di morte sulle persone.

    Report

    Rispondi

  • geisser

    05 Dicembre 2012 - 11:11

    Forse non è giusto il carcere per sallusti , ma capisco la sua richeista di carcere al posto di 14 mesi chiuso in casa della Santanchè ! Ha già l'aria così sbattuta ora , figuriamoci fra 14 mesi

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    04 Dicembre 2012 - 21:09

    dice di non avere mai pensato al carcere per sallusti,presentando poi una querela in sede penale? se si presenta querela in sede penale,vuol dire che c'è specifica volontà di vedere condannato(ed in carcere!)chi si querela!e uno come lui lo dovrebbe sapere benissimo!se voleva"solo"il vil denaro, presentava la querela in sede civile,col vantaggio che la causa rimane nel tribunale della città dove si risiede!questo grembiule nero è peggio solo di quello che dopo avere appioppato 6 anni di galera all'innocente Enzo Tortora,lo definì una"vittima della politics"!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog