Cerca

Va sempre peggio

Confcommercio, nel 2013 pressione fiscale record al 45,8%

Confcommercio, nel 2013 pressione fiscale record al 45,8%

 

 

 

Un Natale più povero e un 2013 di tasse, tutto grazie a Mario Monti e all'Imu. E' l'allarme lanciato dalla Confcommercio che ha ricordato come nel prossimo anno la pressione fiscale in Italia potrebbe raggiungere il livello record del 45,8% proprio per effetto dell'Imu, mentre per il combinato tra tassa sulla casa, tassa sull'auto e canone Rai secondo il direttore del centro studi di Confcommercio Mariano Bella questo dicembre la pressione fiscale è praticamente raddoppiata rispetto allo stesso mese dell'anno passato: gli italiani spenderanno 9,9 miliardi di euro contro il 5,1 del dicembre 2011, per l'esattezza il 94.5% in più. 


Tesoretto Imu - Già il Tesoro, mercoledì, aveva annunciato entrate boom grazie alla tassa sulla casa. Ora, sottolinea Confcommercio, il gettito fiscale complessivo   dell'Imu potrebbe arrivare fino a 28,21 miliardi di euro, ovvero 7 miliardi in più. E questo farebbe salire la pressione fiscale del 2012 al 45,2%, in attesa del rialzo nel 2013. "Tutto dipende dalla media ponderata delle aliquote Imu deliberate dagli 8 mila Comuni", spiega il centro studi secondo cui l'ipotesi minima di gettito è di circa 24,30 miliardi, rispetto a quanto stimato dal Mef ad agosto 2012, con ancora le aliquote provvisorie, cioè di 0,40% e 0,76%, circa 21 miliardi.

Consumi giù - "L'effetto recessivo non risparmierà nemmeno il Natale.Ogni famiglia spenderà per consumi il 13,2% in meno del 2011", ha aggiunto il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli. "L'effetto Imu a dicembre ha fatto raddoppiare le tasse. Se vogliamo uscire da tunnel della crisi economica, la via maestra resta la riduzione delle tasse. Noi abbiamo calcolato che dal gettito Imu potrebbero venire fino a 7 miliardi in più. Chiediamo al governo di restiuirli a cittadini e imprese andando ad alimentare il Fondo taglia tasse o per scongiurare definitivamente l'incremento dell'Iva previsto dal 1 luglio 2013". "Fortunatamente - ha commentato Sangalli - la recessione non si è ancora trasformata in recessione", ma di sicuro il budget di spesa rispetto al Natale precedente per gli intervistati da Confcommercio sarà inferiore per il 51,4%, uguale per il 46,9%, superiore solo per l’1,7%. Gli italiani spenderanno fino a 300 euro nell'89,5%. La spesa media pro capite per i regali di Natale sarà comunque di 164  euro. 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • levantino

    19 Dicembre 2012 - 17:05

    Tasse,sempre tasse. Ormai i soldi servono per pagare canoni, bollette,tasse di vario genere e natura, aumenti del tutto ingiustificati,ecc.ecc. Ma il prof. la laurea l'ha presa con i punti della Star? E' possibile che tra tutti questi soloni,che ci ha propinato questa politica incapace,non ci sia qualcuno che imbrocchi la strada giusta per toglierci dai guai e farci vivere decorosamente? Ora si scannano per le votazioni ed ognuno dice la sua (la colpa è........) ma degli scandali che li sommerge nessuno trova nulla da ridire. Povera Italia!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    07 Dicembre 2012 - 06:06

    tasse per pagare il debito pubblico che serve a pagare la spesa pubblica. Uno direbbe : tagliamo la spesa e invece no, si aumentano le tasse e la spesa cresce. Solo un idiota farebbe una cazzata del genere , ma poi la spesa pubblica serve a pagare i voti dei parassiti statali: ecco perche'. E ci voleva tanto a capirla sta' cosa? Ci pigliano per il culo e i parassiti che campano sulle spalle degli altri non si toccano. Pero' gli imprenditori scappano all'estero e allora chi crea lavoro? Nessuno. I sindacati? si vabbe'...

    Report

    Rispondi

  • arwen

    06 Dicembre 2012 - 20:08

    Non vi preoccupate, aumenterà, aumenterà!

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    06 Dicembre 2012 - 16:04

    Solo un Popolo di merda e sottomesso come quello italiano,subisce il 50% di tasse facendo ingrassare i politici maiali come Giuliano Amato,mister 35mila euro al mese e non fare una sana RIVOLUZIONE con tanto di gnigliottina davanti a Palazzo dei Maiali (Palazzo Chigi...Allora state zitti e mettetevi alla pecorina !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog