Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Effetto crisi

Casalinghe disperate diventano prostitute per pagare mutuo, spesa e bollette

La storia di Francesca, mamma e moglie, che di nascosto riceve clienti per arrotondare

Julia Roberts, prostituta in Pretty Woman

Ufficialmente sono casalinghe: quello che sanno i mariti è che ogni tanto fanno qualche "consulenza", i figli invece non sanno proprio nulla. Casalinghe sono e casalinghe restano ma su internet e in camere affittate in incognito sono prostitute. E lo sono per necessità. Perché con i soldi che prendono dai clienti - tanti soldi, fino a settemila euro al mese - pagano bollette, mutuo e spesa.

Il blitz - Repubblica riporta oggi la storia di "Francesca", così si chiama in versione lucciola. E' bella, ha quarant'anni, un marito imprenditore in crisi, e dei figli. Vive a Pescara. Qualche giorno fa i carabinieri hanno fatto un blitz nella sua casa d'appuntamenti e l'hanno sorpresa con un cliente, "un alto funzionario dello Stato". Lei è scoppiata a piangere e l'unica cosa che ha chiesto ai militari è stata "riservatezza". Francesca infatti si prostituisce ma nessuno in famiglia lo sa. "Questo lavoro", assicura, "l'ho sempre fatto di nascosto. I clienti mi trovano su internet, vedono le mie foto e poi mi chiamano a un cellulare che la mia famiglia certo non conosce. Di solito fisso gli appuntamenti all'ora di pranzo. Così la mattina e la sera sono sempre a casa". 

Decine come lei - Francesca prende cento euro a cliente e può arrivare a guadagnare settemila euro in un mese. Ha cominciato quando il marito "era disperato per delle ingiunzioni di pagamento. Ho dovuto lasciare la mia attività ed ero piena di debiti". Così è diventata prostituta. Ma, dice, "sono solo una delle tante, potrei raccontare decine di altre storie di donne che conosco con mariti operai in cassa integrazione che si prostituiscono per trenta euro". Lei ha solo clienti di "livello": "imprenditori, politici, calciatori", "ogni tanto li incontro al supermercato. Se sono soli mi salutano, altrimenti raccontano alle mogli che sono una lontana conoscente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    31 January 2014 - 12:12

    Ma che strano...i carabinieri dove c'è sesso e prostituzione corrono subito,dove c'è Camorra,Mafia,N'drangheta, i camion che sversano rifiuti nucleari in Campania ecc,non li vedi mai...facciamo prostituire i delinquenti cosi',forse,li prendono...

    Rispondi

  • Francostars

    11 December 2012 - 12:12

    Ti sbagli. Si paga sempre in qualsiasi modo, tanto che la prostituzione remunerata è sesso a basso costo.

    Rispondi

  • allianz

    10 December 2012 - 08:08

    Possibile che voi di Libero scoprite sempre l'acqua calda?Nel 78,a Torino,visto che ero al reparto controcarri,se volevo andare a farmene una bastava che andassi in un certo posto...la c'erano le studentesse che per un paio di stivali o la borsetta all'ultima moda te la davano a prezzo stracciato.Allora era brutto.ma il peggio adesso è arrivato con Mortis...

    Rispondi

  • kIOWA

    09 December 2012 - 17:05

    per quanto mi riguarda,non è una questione di nomi o cognomi ma di forme...

    Rispondi

Mostra altri commenti

blog