Cerca

Agenti disarmano studente

Ma era l'attore di un film

Agenti disarmano studente
Lite tra insegnante e alunno, e spunta una pistola: ma è il ciak di un film. La scena era talmente realistica, da trarre in inganno una pattuglia dei carabinieri intervenuti, in borghese, mentre si girava. L'episodio è avvenuto su di una banchina del porto di Agropoli (Salerno). Davanti alla telecamera, alcuni alunni dell'Itc GB Vico, protagonisti di T.V.B. Ti voglio bene, un lungometraggio realizzato da studenti e docenti dell'istituto agropolese, diretto dal preside Michele Nigro, per la regia di Attilio Rossi. Un film in fase di realizzazione, sceneggiato dal giornalista Clodomiro Tarsia, che racconta storie quotidiane di una scuola di provincia. E, tra le scene da girare, vi era appunto quella di uno studente che avrebbe dovuto minacciare un insegnante impugnando una pistola. Un ciak talmente ben riuscito da spingere alcuni passanti a chiedere l'intervento delle forze dell'ordine. Pochi istanti, e sul posto è giunta una pattuglia in borghese dei carabinieri, che ha fatto irruzione sul set. «Ho capito subito che la pistola era all'origine dell'equivoco - spiega Maurizio Cauceglia, attore del film e, nella vita reale, agente di polizia municipale di Agropoli -. Evidentemente, siamo stati talmente convincenti da spingere qualcuno a chiedere l'intervento dei carabinieri, e questo non può che farci piacere». Chiarito l'equivoco, la scena è potuta riprendere, stavolta senza più interruzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog