Cerca

Bambini impiccano un cane

e si filmano col telefonino

Bambini impiccano un cane
Sadici ed esibizionisti. Un gruppo di ragazzini dell'agrigentino, di 9, 13 e 15 anni, hanno impiccato un piccolo cane Yorkshire alla maniglia di un portone della villa Comunale di Canicattì in via della Vittoria. Sul palazzo sono installate delle telecamere di sicurezza, che hanno ripreso tutta l'atroce scena. E' stato il più piccolo del gruppo a uccidere il cane, mentre gli altri due lo hanno ripreso salvando il video delle torture sui propri videofonini. Per tutti i bambini, identificati grazie alle immagini, è scattata la segnalazione alla Procura dei Minori che adotterà le misure del caso anche in considerazione del fatto che si tratta di soggetti non punibili. Il bambino di 9 anni frequenta la quarta classe della scuola elementare di Canicattì. Il piccolo, che non è imputabile, durante l'interrogatorio dei carabinieri non ha dimostrato alcun rammarico per il gesto, e si è limitato a parlare di un "gioco". I suoi amici dopo avere registrato la scena col telefono cellulare avrebbero voluto mettere il filmato in rete: a chiamare i carabinieri, dopo aver assistito all'impiccagione, è stato un altro ragazzino che faceva parte del gruppo ma che non volle partecipare all'uccisione del cane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossy90

    19 Maggio 2009 - 18:06

    vi rendete conto di dove la violenza sta arrivando? certe cose mi lasciano senza parole...ma i genitori di questi bambini dove sono? l'educazione che fine ha fatto? sono a dir poco senza parole.....

    Report

    Rispondi

  • anturium

    19 Maggio 2009 - 11:11

    la crudelta' commessa da quel gruppo di bambini non puo' essere scusata a causa della loro eta' sapevano benissimo quello che stavano facendo e non si sono accaniti contro un rottwailer ma contro un essere vivente di 3 chili , in quei bambini e' gia' ben radicata la teoria che il piu forte puo' fare cio' che vuole contro il piu' debole devono quindi essere giudicati come quei due adulti di Imperia che hanno massacrato il bambino di 17 mesi che dava fastidio tenut o conto che i due adulti non hanno filmato la botte date al bambino poiche' forse si e' trattato di un momento di follia non premeditato, l'azione dei ragazzini e' ancora piu grave perche' premeditata quindi devono pagare per il loro gesto e se non e' possibile allora paghino con la detenzione i loro genitori che hanno sbagliato ad educarli questi ragazzini devono vivere con il rimorso per il gesto non degno in un essere umano compiuto e non farla franca e continuare la loro carriera di crudelta'

    Report

    Rispondi

blog