Cerca

silenzio pesante

Appalti segretati, nuova legge e il Governo perde tempo. La Lega: "A qualcuno conviene la trattativa privata"

Un nuova proposta per inasprire i controlli da parte della Corte dei Conti. Il provvedimento è firmato da tutti i capigruppo ed è stato già esaminato dalle commissioni. Ma dal governo solo silenzio

Una legge che può eliminare la trattiva privata fra lo Stato e le imprese per alcune opere pubbliche. 
Appalti segretati, nuova legge e il Governo perde tempo. La Lega: "A qualcuno conviene la trattativa privata"
Sugli "appalti segretati" per ora resta il silenzio. Del Governo. La questione è molto semplice. C'è una proposta di legge già valutata dalle commissioni competenti, già firmata da tutti i capigruppo, ma resta nel cassetto e non viene calenadrizzata per passare ai voti quantomeno alla Camera prima della chiusura della legislatura. La nuova legge proposta da Matteo Bragantini, deputato della Lega Nord, non va per il sottile e smaschera gli appalti coperti dal segreto che possono essere concessi per motivi d'urgenza e sicurezza alle imprese senza passare per una gara. La proposta prevede un controllo sia a monte che a valle del procedimento da parte della Corte dei Conti. E' proprio questa che nella sua relazione annuale ha ravvisato irregolarità nella concessione di appalti defini "urgenti", che in realtà non lo erano. Da qui l'idea di Bragantini: "Facciamo i controlli non solo dopo, ma anche prima. La Corte ha 45 giorni di tempo per analizzare l'appalto. Con il silenzio assenso si può poi dare il via all'assegnazione dell'appalto oppure no. Questo pone le basi per un controllo a monte dell'operazione e non solo dopo, quando i giochi sono fatti". Inoltre sempre Bragntini nella sua proposta di legge ha anche inserito l'obbligo di non secretare le opere pubbliche. "Fra i tanti appalti poco regolari riscontrati dalla Corte dei Conti  c'è anche quello di un aula magna nella scuola dei vigili del fuoco di Roma. Uno dei tanti esempi. Forse il più eclatante. Bisogna invertire la rotta. Ma il governo non ha voglia di cambiare questa legge. Basterebbe cominciare a votarla alla Camera e magari il prossimo parlamento si occuperà di farla votare al Senato". Brigantini affonda il coltello nella piaga: "E' grave che il governo non voglia partecipare ad eliminare le zone d’ombra" sugli appalti pubblici. "Mi viene il sospetto - aggiunge - che a qualcuno dei componenti di questi governo tecnico possa far comodo la secretazione per attribuire in trattativa privata". Finora resta il silenzio del governo. E la storia degli appalti secretati rimane la stessa. Senza controlli. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • D.P.F.

    21 Dicembre 2012 - 04:04

    Questa banda di professori - devono avere una laurea in "imperitia cogitandi" - dovrebbero prima leggersi l'art. 3 della Costituzione che declama, ahimé a parole molto scordate nei fatti specialmente da parte di chi la Costituzione dovrebbe non solo conoscerla ma addirittura porla al primissimo posto nell'eseguire il proprio lavoro, come tutti i Cittadini abbiano pari dignità e siano uguali davanti alla legge e come la Repubblica debba rimuovere ogni ostacolo che limiti "di fatto" la libertà e la partecipazione allo sviluppo economico e sociale del Paese. Ignoranti, ad essere buoni, altrimenti delinquenti per agire consapevolmente in contrasto con le leggi dello Stato.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    20 Dicembre 2012 - 19:07

    aggravando la già grave situazione. E' imminente un assalto ai palazzi del potere da parte di cittadini che sono stufi di essere schiavizzati e presi in giro da una banda di ladri scatenati.

    Report

    Rispondi

blog