Cerca

Sanità

Ci sono i soldi per il San Raffaele
Salvi tre ospedali e 5 mila posti

Dopo una giornata di tensione, il commissario Bondi sblocca i fondi: subito 20 milioni di euro. Duemila pazienti rischiavano di tornare a casa

Ci sono i soldi per il San Raffaele
Salvi tre ospedali e 5 mila posti

Alla fine l'annuncio tanto atteso è arrivato. Il Commissario Bondi ha sbloccato i fondi per la San Raffaele Spa. Il commissario straordinario per la sanità del Lazio Enrico Bondi in una nota comunica che, “grazie agli  accertamenti fin qui svolti con la collaborazione di tutte le  istituzioni interessate, rende erogabili alla banca cessionaria, a fronte delle fatture emesse dal gruppo San Raffaele, la cifra di 20 milioni di euro entro il 31.12.2012; 9 milioni di euro entro il 15.1.2013 e entro il 31.12.2013 i pagamenti correnti per circa 5 milioni di euro che si aggiungono ai circa 59 milioni già erogati nel  corso del 2012”.

Alta tensione - L'annuncio arriva dopo una giornata di tensione. Il presidente dei San Raffaele Spa, Carlo Trivelli, temendo che saltasse la trattativa con il Commissario aveva comunicato nel pomeriggio che "la Società, come era stato concordato la scorsa settimana, è rimasta fino ad ora in attesa dell'ufficializzazione dell'incontro di oggi pomeriggio (venerdì 21 dicembre, ndr) con il Commissario Bondi, in Prefettura a Roma. Ma il commissario Bondi non ha ancora ritenuto di comunicare nulla".  

"Catastrofe sociale" - Il comunicato diffuso dalla San Raffaele sottolineava la grave situazione. "Così permanendo le cose, pur sconcertati di fronte all'irresponsabilità di tale atteggiamento, dobbiamo prenderne atto e, di conseguenza, confermare la cessazione delle attività nelle nostre 13 strutture del Lazio alle quali, dal 31 dicembre, verranno meno finanche le forniture dei medicinali, come più volte in questi giorni denunciato". Dopo l'annuncio del 13 dicembre sulla prossima chiusura e i successivi spiragli di ottimismo per evitare la fine del San Raffaele, la società, di fronte ai ritardi delle istituzioni, sarebbe stata costretta ad alzare bandiera bianca. "Il commissario Bondi - conclude la nota - dovrà assumersi la responsabilità di fronte a lavoratori e pazienti, di questa catastrofe sociale". 

2mila malati da ricollocare - Come detto, lo scorso 13 dicembre l'annuncio di Trivelli: "Siamo costretti a chiudere tutte e 13 le strutture". Nel dettaglio, si tratta dei presidi di Irccs San Raffaele Pisana, San Raffaele Portuense, San Raffaele Flaminia, Sna Raffaele Trevignano, San Raffaele Sabaudia, San Raffaele Termini, Metamedica, MR3000, San Raffaele Tuscolana. In cifre, si tratterebbe di ricollocare 2mila pazienti insieme a 2.074 dipendenti

Il vertice della scorsa settimana - Una settimana fa, l'incontro presso il prefetto di Roma con il commissario delegato alla spending review, Enrico Bondi, aveva avuto esito negativo. Una nota del San Raffaele spiegava che il commissario "è apparso poco e male informato rispetto a tutte le questioni sulle quali aveva garantito che avrebbe assunto tutte le necessari informazioni per risolvere la gravissima situazione finanziaria" del gruppo. Poi, a sorpresa, i vertici del San Raffaele, erano stati riconvocati in prefettura a Roma per un nuovo incontro al termine del quale il presidente Trivelli aveva comunicato l'intenzione della società di dar credito all'impegno di Bondi di arrivare a una soluzione "al massimo entro una settiamana". La settimana, per, è trascorsa e nessuno si è fatto sentire. 

Mancati pagamenti - E' in questo contesto che, inesorabilmente, si procede verso la chiusura di tredici strutture sanitarie: una tragedia sia sul lato occupazionale, sia su quello dei malati in cura nelle strutture, che dovrebbero essere ricollocati. Al San Raffaele, per i tagli imposti dalla spending review e a causa dei mancati pagamenti della regione Lazio, mancano i fondi per pagare gli stipendi. La solidarietà agli olter 2mila lavoratori del San Raffaele era stata espressa anche dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che si auspicava che "il prossimo incontro sia utile per individuare la soluzione necessaria". Un auspicio disatteso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • map49

    21 Dicembre 2012 - 18:06

    ma tu da piccolo senza ombra di dubbio sei caduto dal seggiolone. questo non riguarda te BUON NATALE

    Report

    Rispondi

  • EMILIANO75

    21 Dicembre 2012 - 18:06

    Veramente complimenti per il suo commento!! Belle parole, soprattutto facili, come facile è il lavoro di uno come Bondi, visto che l'ha già fatto nel caso Parmalat ecc. Perchè facile?? Perchè arriva, guarda le entrate, le uscite.... i soldi stanziati per la sanità ( non per gli armamenti militari che sono più importanti ) e tira le somme. Risultato?? Più di 2000 professionisti laureati che nonostante non ricevono lo stipendio da almeno 3 mesi continuano a lavorare mettendo la benzina con i propri soldi, cercando di non far mancare niente a quelle centinaia di persone in cura presso le strutture del San Raffaele. Mi permetto di consigliarle di informarsi sulla storia di questa struttura e soprattutto su ciò che rappresenta in Europa come "avanguardia". Tornando a lei, le auguro un Buon Natale, visto che lei magari è uno di quelli "protetto" dalle calde mura di una casa non acquistata tramite mutuo... o un bel lavoretto ereditato da papino.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    21 Dicembre 2012 - 17:05

    "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini,impediscono il pieno sviluppo della persona umana..". Questo è ciò che recita l'art. 3 della Costituzione, la più bella del mondo. Gli ospedali stanno chiudendo, riuscire ad ottenere una prestazione dal sistema nazionale sta diventando pressoché impossibile. Risultato: chi ha i soldi o le giuste conoscenze può ottenere ciò di cui ha bisogno, chi non c'è le ha se le prende nel c..o! Mi domando e lo domando al sig. Benigni, è lecito fare cassa solo sulle classi medio basse della società, mentre ai benestanti, ma sopratutto alla casta di potere, viene concesso tutto? E' in armonia con la Costituzione una sanità a due livelli, una per i benestanti e una per gli altri, i paria? Il governo Monti ha finito di distruggere quel poco che ancora resisteva tra il marciume della corruzione e dell'incapacità. Caro Benigni meno chiacchiere e più fatti!

    Report

    Rispondi

  • spalella

    21 Dicembre 2012 - 16:04

    Sanità marcia e distrutta dalla presenza di marci politici nelle amministrazioni. Sanità privata che è solo un Doppione di quella pubblica, dalla quale spunta convenzioni d'oro grazie ad appalti per nulla trasparenti, unita ad una sanità privata vaticana che è frutto del voto di scambio delle bestie della vecchia politica con lo stato dei preti. Una sanità privata che sommata a quella pubblica offre posti letto in esubero rispetto alle Medie Civili del nord europa, a spese nostre che paghiamo la mafia politica/vaticano/privati invece dell'efficenza. Bondi è un manager, e sà fare bene il suo lavoro come più volte da dimostrato, ed io cittadino del lazio lo voglio a candidato alle regionali perchè non voterò nessuna merdaccia politica a gestiere i miei affari futuri.

    Report

    Rispondi

blog