Cerca

Dopo 10 mesi in India

I marò sono tornati in Italia
Stasera al Quirinale da Napolitano

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono atterrati a Ciampino alle 12 e 30. Oggi saranno ricevuti dal Capo dello stato, il 15 gennaio il ritorno in India

I marò sono tornati in Italia
Stasera al Quirinale da Napolitano

Abituati a vederli con la barba lunga e la divisa d'ordinanza, era difficile riconoscere i due marò in divisa da parata e col berretto bianco della marina in testa. Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono sbarcati oggi poco dopo le 12.30 a Ciampino, dall'Airbus A319J presidenziale che li ha riportati a casa da Kochi, nel sud dell'India. Là dovranno tornare il 15 gennaio prossimo, in attesa della decisione sul luogo in cui si celebrerà il processo che li vede imputati per l'uccisione di due pescatori indiani, scambiati per pirati, lo scorso mese di febbraio. Dopo l'abbraccio coi parenti, che sono saliti sull'aereo per sottrarsi a telecamere e macchine fotografiche, i due marò hanno tenuto un breve discorso sulla pista dell'aeroporto romano, nel quale hanno ringraziato le istituzioni italiane e indiane per avergli consentito questa licenza natalizia e i cittadini italiani per il loro sostegno. Nel pomeriggio, Latorre e Girone saranno ricevuti al Quirinale dal presidente della Repubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    23 Dicembre 2012 - 16:04

    anche a me è venuto il pensiero che i marò debbano essere giudicati in Italia, poi mi son detto: attenzione, i giudici italiani quando debbono giudicare dei militari sono in genere particolarmente severi; un tribunale indiano sarebbe uguale (a parte ovviamente la pena di morte). Invece sono convinto che i due marò siano innocenti o giustificati, e nessun tribunale, nè italiano nè indiano, dovrebbe giudicarli; d'altronde APPENA SBARCATI IN ITALIA I DUE SONO STATI CONVOCATI DALLA PROCURA

    Report

    Rispondi

  • Franco Giunta

    23 Dicembre 2012 - 11:11

    Non stiamo esagerando ??? Cosa hanno fatto di così importante questi due militari per essere trattati come degli EROI ??? Rispetto e solidarietà sì, ma tutto questo movimento del Presidente della Repubblica che senso ha ???

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    22 Dicembre 2012 - 22:10

    Per quello che riguarda la legge, la Barardini è una persona giudicata e condannata da un Tribunale per un reato, mi dica allora se l'accordo con gli USA è stato rispettato. E' in galera? Sui Militari in genere forse non comprende che una persona onesta e disoccupata, pur di lavorare, accetta di fare tutto ed in questo lavoro ci rischia anche la pelle per una paga da fame. Crede che costoro non avrebbero preferito un bel posticino statale, con un po di assenteismo? Resta che costoro, che potevano anche fare i delinquenti volendo, servono l'Italia ed in caso di bisogno difendono anche lei, e qualsiasi cosa facciano devono essere giudicati e difesi dall'Italia. Gli Americani insegnano.

    Report

    Rispondi

  • voiturderi

    22 Dicembre 2012 - 22:10

    Ah se per questo potremmo parlare del famoso tribunale delle nebbia dove tutto viene insabbiato oppure della classe politica degli ultimi vent'anni che si vende per un camparino o lo mette nei rimborsi. Possiamo parlare della classe industriale che le piace pagare le mignotte e licenzia i dipendenti. Oppure della signorina che ha preso troppo alla lettere la sua specializzazione di igienista dentale( mi sembra più un igienista orale) . Il Bertinotti o lo Storace sono delle anime pie in confronto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog