Cerca

L'omelia

Benedetto XVI, l'appello: Basta guerre in nome di Dio

Il pensiero di Benedetto XVI per i profughi: "Chi rifiuta loro e gli immigrati respinge anche Dio". Poi invoca lo stop ai conflitti in Medio Oriente

Benedetto XVI

Benedetto XVI

Nella preghiera di Natale, il Papa rivolge un appello contro le guerre di religione. Poi una preghiera per i profughi. Tra gli altri, questi i temi più significativi sollevati da Benedetti XVI nel corso dell'omelia della notte di Natale, nella basilica di San Pietro, a Roma.

No alle violenze - "Le spade siano forgiate in falci, al posto degli armamenti per la guerra subentrino aiuti per i sofferenti. Illumina le persone che credono di dover esercitare violenza nel tuo nome, affinché imparino a capire l'assurdità della violenza", ha detto Joseph Ratzinger. Il Papa dice "no" alle violenze in nome di Dio e anche a chi nega l'esistenza di Dio. "Dove non si dà gloria a Dio, dove viene dimenticato o addirittura negato, non c'è neppure pace - ha proseguito il Papa -. Se un qualche uso indebito della religione nella storia è incontestabile, non è tuttavia vero che il no a Dio ristabilirebbe la pace".

Appello per i profughi - Nei pensieri del Papa fa capolino il Medio Oriente, terra travolta da recenti conflitti. "Preghiamo - ha proseguito Ratzinger - affinché israeliani e palestinesi possano sviluppare la loro vita nella pace dell'unico Dio e nella libertà. Preghiamo anche per i Paesi circostanti, per il Libano, per la Siria, per l'Iraq e cosìvia: affinché lì si affermi la pace". Infine l'appello per tutti i profughi. "Quando vengono respinti i profughi oppure gli immigrati, non è forse proprio Dio stesso ad essere respinto da noi?". Questa la domanda posta da Benedetto XVI ai fedeli raccolti nell'ascolto della sua omelia natalizia.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • baffos

    25 Dicembre 2012 - 21:09

    Purtroppo la tua non è una battuta ma una realtà sotto gli occhi di tutti gli unici "extracomunitari" che girano in vaticano sono quei cardinali la cui povertà ed indigenza traspare anche dal loro sobrio e dimesso vestiario, tutta questa gente che parla di bontà è capace solo di individuare qualche posticino libero sulla nostra schiena per potervi caricare un ulteriore peso. Ma che vadano a morire ammazz...ti

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    25 Dicembre 2012 - 19:07

    mi sa tanto che la sua preghiera non viene ascoltata.

    Report

    Rispondi

  • zelig12

    25 Dicembre 2012 - 16:04

    Potrebbe sembrare una battuta qualunquistica,ma non sembra che nei palazzi vaticani circolino immigrati.

    Report

    Rispondi

blog