Cerca

Sentenza Mills, l'ira di Silvio

"Dirò ciò che penso dei giudici"

Sentenza Mills, l'ira di Silvio

Silvio Berlusconi ha deciso: riferirà in Parlamento dopo la sentenza dei giudici di Milano secondo i quali il Cavaliere avrebbe corrotto l’avvocato inglese David Mills, condannato a 4 anni e sei mesi per corruzione in atti giudiziari. Per il Tribunale lombardo regge l’impianto dell’accusa secondo cui Mills fu corrotto “con almeno 600mila dollari” da Silvio Berlusconi per testimoniare il falso in due processi al fondatore della Fininvest.
"Una sentenza scandalosa" - E così sarà lo stesso Berlusconi a presentarsi in Aula – non quella giudiziaria, ma quella parlamentare – per dire quello che pensa dei giudici. “Si tratta di una sentenza scandalosa”, ha anticipato il presidente del Consiglio. Di una sentenza “totalmente lontana dalla realtà”.
Mentre dal Pd, per bocca di Dario Franceschini, arriva la richiesta al Cavaliere di rinunciare al Lodo Alfano, e Di Pietro aggiunge che dovrebbe dimettersi, parte la controffensiva alla magistratura da L’Aquila: “Ho annunciato questa mattina la mia intenzione di fare un intervento in Parlamento sulla sentenza Mills e, appena avrò tempo, lo farò. In quella sede dirò finalmente quanto da tempo penso a proposito di certa magistratura”.
Poi ha ribadito che in appello ci sarà una “assoluta assoluzione” perché “nei confronti dell’avvocato Mills non c’è stato alcun versamento” ed è stato “individuato il tragitto dei soldi, sui quali l’avvocato ha dovuto anche pagare le imposte al fisco inglese”: cosa che non sarebbe mai potuto accadere se si fosse trattato di una donazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jack1980

    20 Maggio 2009 - 08:08

    Vedremo se la cosa verrà confermata o no in appello, ma com'è che queste notizie vengono fuori sempre alla vigilia di una qualche elezione?

    Report

    Rispondi

  • giovannib

    20 Maggio 2009 - 08:08

    ma questa magistratura non ha ancora capito che tangentopoli è finita e che l'Italia è un paese democratico che non ha bisogno di tutori? oppure bisogna ricordargli che nella Bibbia è scritto che il popolo di Israele dopo anni di governo dei giudici si ribellò ed elesse un Re.

    Report

    Rispondi

  • dinmau

    19 Maggio 2009 - 20:08

    Ma tutti i "sinistri" sono finiti qui? Non basta loro, mandare maledizioni e offese, dai loro giornali rossi? Già, sono con l'acqua alla gola, e le tentano tutte!Pensare che, se solo ci azzardiamo a mandare qualche commento alle loro testate, da buoni "democratici" nemmeno ci considerano! Ancora poco comunque, dopo le elezioni se ne andranno in qualche buco a leccarsi le ferite! Allora gli "allocchi" come li giudicano loro, che hanno votato in piena coscienza e democraticamente, per Berlusconi, potranno (si spera) starsene un po' tranquilli!

    Report

    Rispondi

  • agmenquadratus

    19 Maggio 2009 - 20:08

    Questi giudici bisogna fermarli, mi sembra evidente la loro malafede e ancor più evidente la finalità politica del loro operato. Spero veramente che abbia ragione l'opposizione quanso dice che Berlusconi sta instaurando una dittatura. Al confino tutti quanti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog