Cerca

Diplomazia

L'Italia rispetta gli impegni:
i Marò pronti a tornare in India

Smentita l'ipotesi di candidare i soldati alle prossime elezioni: il 4 gennaio torneranno in carcere nel Kerala

L'Italia rispetta gli impegni:
i Marò pronti a tornare in India

L'Italia rispetta gli impegni con l'India: ultimi giorni in patria per Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. I due marò italiani sono pronti a prepare le valige e prendere la via del ritorno nel Kerala, dove sono accusati di omicidio. In base a quanto riferisce l'agenzia Ansa, il 4 gennaio, allo scadere della licenza concessa dall'Alta Corte indiana per le festività natalizie i militari italiani onoreranno gli impegni presi. Loro, Girone e Latorre, non parlano in rispetto della consegna di riservatezza e sobrietà imposte dalla Marina e dalla delicatezza del caso. La moglie di Girone, Vania, al telefono con l'agenzia Ansa conferma: "Loro hanno una parola: rientreranno in India con l'auspicio che, in breve tempo, la loro vicenda possa avere una soluzione positiva''. La moglie del fuciliere si dice fiduciosa che "questa brutta storia possa avere al più presto termine''. Da Taranto anche i parenti di Latorre ribadiscono. ''Sono militari - sottolinea il nipote del marò, Christian D'Addario - nessun dubbio sul fatto che Massimiliano e Salvatore rientreranno in India. Partiranno".


"Niente candidatura" - Oggi l'agenzia stampa indiana Pti ha smentito l'ipotesi che i due marò potessero essere candidati alle elezioni per evitare loro il carcere indiano: "L'Italia ha assicurato all'India che i due militari accusati di omicidio in Kerala, ritorneranno nella prima settimana di gennaio". Citando un "alto funzionario del governo indiano" scrive: "Vi posso assicurare che torneranno. C'è un impegno scritto della Repubblica italiana e sarà onorata" ha detto la fonte alla Pti. Sempre secondo "fonti governative italiane" citate dalla Pti la vicenda dei marò "è altamente delicata e coinvolge i sentimenti della nazione" e "si spera in una rapida soluzione" con il pronunciamento della Corte Suprema "che dovrebbe avvenire a gennaio". Nei giorni scorsi, al rientro dei marò in Italia, si era parlato di una loro candidatura alle prossime elezioni politiche nelle liste di Fratelli d'Italia di Ignazio La Russa per garantire loro l'immunità. Proposta, questa, avanzata anche su Libero da Maria Giovanna Maglie



Odissea giudiziaria - Ora, dunque, riprenderà la bagarre giudiziaria iniziata dieci mesi fa con l'accusa di omicidio di due pescatori nel corso del loro servizio anti-pirateria a bordo della Enrica Lexie. Prima del processo, però, si dovrà decidere quale tribunale giudicherà i due fucilieri di San Marco. Una Corte indiana oppure, come chiede l'Italia giudici italiani come stabilirebbe la giurisdizione internazionale in caso il presunto crimine sia stato compiuto durante un'attività prevista da accordi internazionali?


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mabo20131938

    03 Agosto 2014 - 20:08

    Vorrei denunciare la colpevole assenza di vita della ns. magistratura, sempre attivissima in altri casi e del tutto dormiente quando sarebbe opportuno. Sarebbe bastato, visto che è stato "aperto" un fascicolo di indagine sul caso, credo dalla procura di Roma, che detto ufficio emettesse un mandato di cattura a carico dei fucilieri, per impedire, legalmente, il loro ritorno inIndia. Ma tutto tace.

    Report

    Rispondi

  • biri

    03 Gennaio 2013 - 14:02

    E' una promessa, vero? L'Italia festeggia.

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    03 Gennaio 2013 - 14:02

    Se gli Svizzeri od altri Stranieri quando vengono in Italia gettano la carta per terra, fanno bene. Non meritiamo altro se non il disprezzo. E su tutto. Poi dicono che non siamo rispettati per colpa di Berlusconi, ma almeno lui li prendeva in giro.

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    03 Gennaio 2013 - 13:01

    avevamo scommesso che liavrebbero rimandati in india . lo avevamo fatto sperando che questi delinquenti con a capo il magistrato di roma , facessero una volta nella loro lurida vita una cosa giusta . invece no , abbiamo vinto la scommessa . monti ha detto " con me l'italia e gli italiani possono camminare a testa alta , ora tutti ci ammirano grazie al mio governo " ora glielo dico sul muso " si caro monti ora ci gettano palate di merda grazie a te e a quei quattro idioti dei tuoi ministri " vergogna del mondo intero ,forse dall'alto della tua arroganza ed idiozia non ti sei nemmeno accorto che OBAMA ti disprezza . forza ragazzi , speriamo in un attimo di lucidità da parte di napolitano e dai grandi caporioni dell'esercito e della marina .indiani in italia , tutti in galera

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog