Cerca

La proposta

Trapani autobus riservati ai neri

La proposta di un consigliere comunale: "Gli immigrati spesso creano un clima di tensione"

Trapani autobus riservati ai neri

Un servizio di trasporto per soli immigrati. A proporlo il presidente della Commissione consiliare Problematiche territorio urbano del Comune di Trapani, Andrea Vassallo. La proposta choc arriva al termine di un confronto dell’organismo con il vertice dell’Atm, l’azienda trasporti. In quell'incontro, particolare risalto è stato dato alla linea che assicura il collegamento per Salinagrande che raccoglie il flusso degli immigrati che si reca nel centro di accoglienza. 

La motivazione "Il presidente dell’Atm ha riferito delle numerose lamentele di passeggeri residenti riguardo comportamenti", riporta Vassallo, "poco civili adottati dagli immigrati che spesso creano e alimentano all’interno del bus un clima di tensione tale da lasciar presagire, prima o poi, il verificarsi di episodi spiacevoli". Quindi la proposta: "Opportuno sarebbe, a parere della commissione, valutare l’ipotesi di istituire un servizio di trasporto esclusivamente dedicato agli immigrati, da sottoporre a controllo da parte della polizia, al fine di scongiurare i pericoli di ordine pubblico che potrebbero malauguratamente ingenerarsi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebin6

    07 Gennaio 2013 - 08:08

    non vedi la realtà; al nord già comandano i terroni. La classe dirigente: giudici, insegnanti etc. è del sud, la mafia e ndrangheta dettano legge nell'economia, le vs. donne sposano e scop*ano negri e mussulmani e nella stessa lega fino ieri dirigevano meridionali e mezzosangue. A TE E AI TUOI SIMILI POLENTONIN DI RAZZA PURA TRA POCO VI CHIUDERANNO IN UN GHETTO.

    Report

    Rispondi

  • Gancherro

    07 Gennaio 2013 - 00:12

    Un corno! Qualche buonista komunista fancazzista mi vuole speigare che se io, italiano, salgo su un mezzo pubblico senza pagare il biglietto vengo multato e lasciato a piedi (giustamente); ma se la stessa cosa la fa un "fratello" extracomunitario o straniero allora tutto va ben signora la marchesa. Devono imparare,a suon di randellate, che a casa nostra le nostre leggi vanno rispettate. A casa loro, se io commetto una illegalità, ben che mi vada mi faccio qualche anno nelle loro luride, sporche e puzzolenti galere. Bastone e bastone. La carota quando avranno imparato la lezione.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    06 Gennaio 2013 - 19:07

    Concordo pienamente con quel consigliere. Anzi,il comportamento di molti immigrati troppo spesso travalica la semplice inciviltà e diviene illegalità come dimostrano le percentuali altissime di detenuti stranieri presenti nelle nostre carceri. Chi dice il contrario, o è molto ricco e può permettersi di proteggersi a dovere con allarmi, scorte e inferriate senza vivere nel mondo reale oppure ha qualche interesse nella presenza degli immigrati. In ogni caso, tutti sanno che questa invasione non può continuare ma dovrà anzi essere invertita con politiche restrittive dal prossimo governo di destra.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    06 Gennaio 2013 - 15:03

    Questo vale anche per i veneti in Lombardia e a Milano in particolare...che negli anni 60 venivano chiamati "terroni del nord"...E poi...in Veneto prenditela coi tuoi paesani imprenditori che portano le loro fabbrichette in Romania e lasciano il "glorioso popolo veneto" con le emorroidi a strisciare per terra...Ah,se ti servono i soldi per comprarti il pane,fammi un fischio !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog