Cerca

Costa

Concordia, Schettino torna a bordo

Francesco Schettino

L’ex comandante della Concordia, Francesco Schettino è tornato a bordo della nave, per la prima volta, a distanza di due anni dal disastro, avvenuto il 13 gennaio del 2102, per un sopralluogo al generatore d’emergenza. Sulla nave, insieme a Schettino, il collegio peritale del Tribunale di Grosseto, magistrati, consulenti e legali. Giaccone di pelle scuro e occhiali da sole, l’ex comandante, secondo quanto trasmesso da Sky Tg24, è salito a bordo dal ponte 11. Secondo quanto si apprende, Schettino non potrà avere una partecipazione attiva, cioè non potra interloquire con i periti del tribunale che visioneranno alcune parti della nave, oggi raddrizzata, all’Isola del Giglio.

Polemiche - L'ex capitano della Concordia non è stato accolto nel migliore dei modi; ad aspettarlo al porto si trovavano sia i giornalisti sia gli isolani. "Lo vogliamo vedere, siamo qui apposta" hanno dichiarato gli abitanti dell'isola del Giglio. Un uomo è poi riuscito ad avvicinarsi e a Schettino e lo ha apostrofato a voce alta: "Affogati". L'ex comandante non ha reagito e se n'è andato senza replicare. Poi Schettino ha dichiarato ai microfoni dei giornalisti che gli chiedevano se si ritenesse colpevole della tragedia: "C'è già chi ha patteggiato, ammettendo colpe. Io ci metto la faccia. E sto facendo il processo. È chiaro?", e ha poi aggiunto "Le perizie determineranno le varie responsabilità e le relative suddivisioni di responsabilità". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sinceramente

    27 Febbraio 2014 - 15:03

    C'è il pericolo che alla Concordia venga un sussulto e si pieghi nuovamente sul fianco

    Report

    Rispondi

blog