Cerca

Indennizzo togato

Ernia per la caduta dalla sedia: al giudice vanno 140mila euro

Dopo l'infortunio, il magistrato ha ottenuto la pensione. Poi ha fatto richiesta di risarcimento: il ministero si è opposto, ma il Tar gli ha dato ragione

Ernia per la caduta dalla sedia: al giudice vanno 140mila euro

Cadere da una sedia mentre si è in ufficio, rovinando col sedere per terra, è un’esperienza vissuta da molti. Che può avere, a volte, fastidiose conseguenze per la salute: distorsioni del bacino, lesioni vertebrali, lividi ed escoriazioni. Ne discende un danno per il lavoratore - caduto, ripetiamo, da una sedia, non da un’impalcatura - che sarà poi compensato da chi di dovere a seconda di parametri valutativi che possono cambiare da lavoratore a lavoratore. Si chiamano cause di servizio, un tempo sorta di sport nazionale, oggi circoscritto da un obbligato cambio di «clima» nelle finanze del Paese: l’unica cosa rimasta uguale è la lunghezza dei procedimenti, giunta in alcuni casi a livelli parossistici coprendo alcuni decenni.

A un magistrato in servizio nel distretto napoletano, però, una caduta dalla sedia, che pure qualche danno gli creò, s’è risolta in un baleno (si fa per dire): appena sette anni dalla data dell’infortunio. Ma soprattutto con risarcimento per causa di servizio pari a circa 140mila euro. Più altri oneri. Una storia tutta italiana, raccontata ieri dal Corriere del Mezzogiorno.
Lui si chiama Francesco Schettino. E nel 2007 la sedia del suo nuovo ufficio al Centro direzionale di Napoli traballò, facendolo cadere in terra. Primo soccorso dei colleghi, poi l’iter sanitario e l’avvio del procedimento risarcitorio in costanza di congedo dal posto di lavoro. Che durò inizialmente all’incirca tre mesi (dal 24 marzo al 18 giugno 2007), finché l’Inail non l’ebbe dichiarato «guarito con postumi», valutando l’invalidità nella misura del 30%: siamo nel luglio del 2007.

Nel giugno di due anni dopo (2009) il ministero della Giustizia gli riconosce questo tipo di patologia: «Esiti di trauma distorsivo del rachide lombare produttivo di ernia discale con impegno radicolare e rigidità del tratto dorso-lombare». I referti sono un po’ come le norme dei codici, non sempre è agevole la comprensione per chi tecnico non è. Ma andiamo avanti. L’anno dopo il giudice fa domanda di pensione, che ottiene, e dopo altri due anni (siamo al 2012) formula richiesta di risarcimento per circa 200mila euro, così ripartiti: 116.838 a titolo di danno biologico; 33.883 come «aumento personalizzato»; 50.000 per il danno esistenziale; 2.410 quale «lucro cessante per le decurtazioni stipendiali subite nei periodi di assenza dal servizio per malattia», cioè il mancato incasso di parti dello stipendio che se fosse stato in servizio sarebbero state maggiori di quanto comunque incassato. Ma il ministero della Giustizia si oppone.

Come di consueto, si finisce al Tar . E che cosa decidono i magistrati del tribunale amministrativo relativamente alla pretesa del magistrato che loro si era rivolto? Che effettivamente al dottor Schettino, che ha agito nel più completo rispetto della normativa, venga «riconosciuta la somma richiesta». Non si conoscono precedenti in materia, almeno non di questo tipo. L’interessato, al Corriere del Mezzogiorno, non ha inteso replicare, limitandosi a dire che per lui «parla la sentenza».
(Pep.Rin.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcosassi

    28 Febbraio 2014 - 20:08

    mi fa venire il vomito, la nausea, il sangue alla testa, l'urticaria, di tutto mi fa venire questa arroganza di 'sto .....di un giudice napoletano, che è solo caduto da una sedia (e sta più attento ! .....+ offese varie a vostra scelta...) che per una quisquilia ottiene pensione immediata e risarcimento stellare. No, basta, basta , non ce la facciamo a rimettere in sesto questo Paese, me ne vado, non ne voglio piu' sentir parlare, l'ingiustizia, le asimmetrie e la corruzione stanno salendo ovunque a livelli parossistici, è una corsa mostruosa a chi è piu' furbo e a chi si fa meglio i propri interessi a scapito della collettività . Basta!!!!

    Report

    Rispondi

  • antoniosansalone

    28 Febbraio 2014 - 19:07

    Questo dimostra che non siamo tutti uguali, di fronte alla legge. Certamente se al posto di un magistrato, ci fosse stato un povero cristo, sono certo che gli avrebbero dato solo i soldi per il mancato guadagno, in relazione alle assenze fatte per l'infortunio stesso, e neanche un euro in più. Mi viene in mente il grande Sordi, nel Marchese de Grillo, dove diceva: Io so Io, e tu non sei un caz....

    Report

    Rispondi

  • Cesare_Torino

    28 Febbraio 2014 - 19:07

    Mi vergogno sempre di più ad essere italiano !! VCi sono pensionati con 450 euro !! Bastardi

    Report

    Rispondi

    • 48renato

      29 Aprile 2014 - 11:11

      dal veneto,e poi si domandano perche' vogliamo l'autonomia,un buon esame di coscienza,qualora ci sia non guasterebbe,penso sia troppo tardi,la strada è gia segnata,non si torna indietro.

      Report

      Rispondi

  • milibe

    28 Febbraio 2014 - 17:05

    questo giudice porta un cognome che è già un programma! comunque per un mio risarcimento a seguito incidente automobilistico - fratture varie 2 operazioni menomazione irreversibile ad un braccio - ci sono voluti circa 20 anni e per una somma di risarcimento ben inferiore a quella della toga! efficiente la giustizia italiana quando si tratta di difendere la casta!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog