Cerca

La capitale che cade a pezzi

"Roma fa schifo": tutto il peggio in un sito

"Roma fa schifo": tutto il peggio in un sito

Chi ha ridotto così Roma? Chi è il responsabile del tracollo culminato oggi, venerdì 29 febbraio, con il varo del cosiddetto decreto salva-Roma? Con chi i romani se la dovrebbero prendere per i ritardi quotidiani causati dall'inefficienza dei mezzi pubblici o dal traffico mordente della capitale? Con chi se la dovrebbero prendere per gli ammortizzatori rotti di macchina e motorini grazie a quelle fosse (non semplici buche) che si trovano sulle strade? Rutelli, Alemanno o Marino? Da qualche anno il sito www.RomaFaSchifo.com sta cercando di portare alla luce tutti i lati negativi di Roma e gli aspetti oscuri della città che "era", dice il sito, la più bella del mondo.

Le foto del degrado della Capitale
prese dal sito Roma fa Schifo 

Nel mirino - La Capitale è sotto tutti i riflettori, ma non certo per merito delle sue bellezze. Il sito cerca di fare informazione, dal basso, coprendo tutte quelle aree che la stampa locale, più o meno, volutamente lascia oscure. Dalle inefficenze dei mezzi pubblici del Atac (azienda-colabrodo dei trasporti della capitale), agli sprechi della polizia municipale, dallo scarso lavoro svolto dall'Ama (azienda della nettezza urbana del comune di Roma) alla mancanza di un effettivo intervento del Comune sul manto stradale. Tutto il materiale del sito proviene dagli utenti con foto, video e post delle loro esperienze nella Roma sprecona e abbandonata. Il sito non è però stato esente da critiche per via degli attacchi, a volte estremi, degli utenti ai mendicanti per le strade o ai venditori ambulanti.

Il sito - Sul sito si possono leggere gli obiettivi di questa iniziativa. "Cerchiamo di porre l'attenzione sui veri problemi della città che vengono volutamente ignorati dalla politica per non toccare mafie, camorre, lobby, potentati e serbatoi di voti porchissimi. Ce l'abbiamo con le affissioni abusive, con i cartellonari, con le bancarelle, con le società municipalizzate che non funzionano, con i fannulloni nei mezzi pubblici, con i vu cumprà che sono gestiti dalla criminalità organizzata, con i graffitari che non sono artisti, con la sosta selvaggia e con tutto quello che i romani ormai si sono rassegnati a sopportare. Con tutto quello che i romani ormai non vedono più".

Le immagini - Le immagini pubblicate a dimostrazione di come è ridotta la città non offrono certo una bella immagine. Nelle foto troviamo cassonetti che non riescono più ad accogliere nuovi rifiuti, vasche da bagno lasciate per la strada e maiali che mangiano vicino ai secchioni dell'immondizia nelle periferie. Buche profonde, che mettono in pericolo automobilisti, motociclisti, ancor più a rischio dopo le ultime piogge che hanno messo il dito nella piaga, facendole diventare crateri stradali. Ma la pioggia non è l'unica responsabile. La manutenzione delle strade è sempre più lenta e inefficiente a causa degli appalti giocati a ribasso. Per rimetterle in sesto, ha riportato ieri 27 febbraio Sky Tg24, devono essere impiegati 230 milioni di euro all’anno per 5 anni. In cassa però per il 2014 ci sono solo 41 milioni e non si raggiunge mai l’1% degli investimenti. Per non parlare dell’Atac: l'azienda è piena di debiti e non è in grado di reagire allo squilibrio economico che nel 2013 era di 700 milioni eppure ha acquistato per svariati milioni nuove vetture bordeaux (per molti un rinnovamento inutile) che comunque continuano a trascorrere più tempo fermi nel traffico che in corsa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattopardo46

    21 Maggio 2014 - 14:02

    E' proprio una pena vedere la Roma eterna ridotta in condizioni cosi' pietose. Evidentemente la gestione dei sindaci che l'hanno amministrato negli ultimi anni è sempre stata di bassissimo livello. Basta pensare a Rutelli e Veltroni per avere tutto chiaro.

    Report

    Rispondi

  • Enzo47

    02 Marzo 2014 - 18:06

    Il Veneto alluvionato può aspettare, prima viene la capitale, chi è abituato a magnare, non può certamente capire chi va a lavorare, Marino è il solito lecchino, un piagnone alla Schettino, Roma è questa fate la carità al poverino, mentre lui si fa il pisolino. Morale della favola, vale di più una buona lappa che una buona zappa, e poi ci dicono di non evadere...

    Report

    Rispondi

  • Estero1

    02 Marzo 2014 - 10:10

    Marino ,turna a fà il to laur, facia da pirla !!!

    Report

    Rispondi

  • piero.quirico

    28 Febbraio 2014 - 17:05

    Uno schifo non c'è che dire, loro non pagano mai siamo noi a pagare marino va fanculo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog