Cerca

Ultima spiaggia

Veneto, soldi agli immigrati che vanno via per fermare l'invasione

Veneto, soldi agli immigrati che vanno via per fermare l'invasione

Il Veneto leghista pagherà il rimpatrio degli immigrati rimasti senza lavoro. Di chi, arrivato nell’ex ricco Nordest con la prospettiva di un’occupazione e di una vita dignitosa, per colpa della crisi e della chiusura di migliaia di piccole e medie aziende si è ritrovato senza impiego e senza prospettive. Gli stranieri residenti nella regione governata da Luca Zaia sono circa 500 mila, un decimo della popolazione. L’immigrazione contribuisce al 6 per cento del prodotto interno lordo regionale. I posti di lavoro però sono sempre meno e anche quegli immigrati che erano riusciti a inserirsi nel tessuto sociale, oggi si ritrovano nuovamente ai margini: in Veneto la disoccupazione straniera ha raggiunto il 23 per cento. Vien da sé che la situazione, pur in una delle regioni più accoglienti d’Italia sul fronte dell’immigrazione, sta diventando molto complicata da gestire. Ecco dunque che Zaia rispolvera il vecchio adagio leghista «aiutiamoli a casa loro» e mette sul piatto 650 mila euro, cifra che, assicura il governatore, arriverà al milione prima dell’approvazione definitiva del bilancio. Parte di questa somma, secondo la nuova legge sull’immigrazione che andrà a sostituire il testo del 1990, sarà destinata ai rimpatri. Il piano è stato concordato con le associazioni che fanno parte della Consulta regionale per l’immigrazione. Zaia ha la delega ai Flussi migratori dopo la bufera che la scorsa estate si era abbattuta sul compagno di partito, Daniele Stival, secondo cui il paragone di Roberto Calderoli tra Cècile Kyenge e l’orango sarebbe stato offensivo per quest’ultimo.

Zaia parla di una vera e propria «emergenza dettata dalla disoccupazione e dall’impossibilità da parte degli immigrati di tornare a casa». Il leghista, che respinge al mittente le puntuali accuse di razzismo avanzate da alcuni esponenti di sinistra, sta mettendo a punto un piano «per riportare le persone là dove hanno le loro famiglie, i loro affetti e le loro piccole proprietà». Nel fondo destinato ai rimpatri rientreranno anche i prestiti d’onore, ossia piccole somme di denaro che la Regione Veneto sta pensando di destinare a quegli stranieri che, imparato un mestiere nelle fabbriche e nei campi del Nordest, vogliano provare ad aprire attività in patria. Questo, fa sapere il governatore, sarà anche un modo per combattere l’immigrazione clandestina, per evitare che le persone rimpatriate, dopo pochi mesi tornino in Italia. La proposta però non piace alla Caritas di Venezia. Il direttore, don Dino Pistolato, dice che lo scenario dei rimpatri torna di moda ciclicamente e che finora ha sempre fallito. La Caritas boccia anche i prestiti d’onore. «Che allora ci presentino loro una soluzione attuabile» replica l’assessore regionale al Lavoro, Elena Donazzan (Pdl Fi-Veneto). «Il progetto della nostra giunta punta sia al rispetto della dignità degli immigrati sia a quel “prima i veneti” scelto da Zaia in campagna elettorale e che non è soltanto uno slogan. Venerdì presentiamo i dati relativi al mercato del lavoro. Nel 2013 in Veneto i fallimenti sono stati 10 mila, 2 mila in più rispetto al 2012. È chiaro» conclude Donazzan «che non c’è più posto per tutti. La situazione è drammatica, bisogna intervenire con delle azioni concrete».

Il progetto della giunta Zaia è stato reso noto nei giorni in cui il governo spagnolo ha rilanciato il “programma di ritorno volontario” per tentare di limitare il fenomeno dell’immigrazione clandestina. Madrid, dopo l’esperienza dello scorso anno che ha riguardato 246 stranieri, ha di nuovo offerto 350 euro a ciascun immigrato che deciderà di fare ritorno nella terra di origine. Le situazioni più delicate riguardano le enclavi marocchine di Ceuta e Melilla. Il governo di Madrid ha sottolineato che elargire una somma di questo tipo significa «mettere gli immigrati nelle condizioni di poter affrontare al meglio la vita nei loro Paesi, dove il reddito pro capite è bassissimo». Il Veneto prova a seguire l’esempio.

di Alessandro Gonzato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    27 Marzo 2014 - 12:12

    Ci vorrebbe una legge che obblighi a tutti di parlare sempre in Italiano. Come durante il servizio militare- Cosi il problema migranti sara' risolto !!

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    14 Marzo 2014 - 08:08

    Il problema è che poi ritornano con un altro nome e si fanno dare di nuovo dei soldi per andarsene.

    Report

    Rispondi

    • routier

      14 Marzo 2014 - 12:12

      Ho pensato la medesima cosa. Ma Luca Zaia non avrà provveduto nel merito ?

      Report

      Rispondi

  • cam66

    13 Marzo 2014 - 19:07

    Invece di spendere soldi per il rimpatrio dei di questa gente che aiuti i veneti che ne hanno bisogno e li rimandi da dove sono venuti con il mezzo che sono arrivati

    Report

    Rispondi

  • alvit

    13 Marzo 2014 - 19:07

    Caro Zaia , spero tu ottenga il beneplacito di tutti i Veneti, e di tutti gli schieramenti, anche se dubito che lo avrai dai sinistri komunisti. Per le strade è un continuo slalom fra persone colorate e dei paesi dell'est che ti fermano per chiedere l'elemosina. L'insistenza è di quella becera e se non gli dai qualcosa, ti riempiono di contumelie e improperi , quando poi non ti sputano addosso.

    Report

    Rispondi

blog