Cerca

Commissione antimafia

Trattativa Stato-Mafia, Pisanu:
"Ci fu un'intesa tra le parti"

I risultati delel indagini della Commissione Antimafia lasciano ancora dubbi su quella stagione. E su Capaci: "La mafia ha avuto una consulenza tecnica per la strage?"

Trattativa Stato-Mafia, Pisanu:
"Ci fu un'intesa tra le parti"

I lavori della commissione Antimafia sulla trattativa Stato-Mafia e sulle stragi del '92-93 si sono conclusi. E il presidente Beppe Pisanu sul risultato è chiaro: "Sembra logico parlare, più che di una trattativa sul 41bis, di una tacita e parziale intesa tra parti in conflitto". Pisanu dunque ammette rapporti tra le "parti", ma sulle responsabilità dei singoli protagonisti Pisanu vuole sottolineare come le iniziative non siano state coordinate da nessuno: "Possiamo dire che ci fu almeno una trattativa tra uomini dello Stato privi di un mandato politico e uomini di Cosa nostra, divisi tra loro, e quindi privi anche loro di un mandato univoco e sovrano". Pisanu ha inoltre sottolineato che "i vertici istituzionali e politici del tempo, dal Presidente della Repubblica Scalfaro ai presidenti del Consiglio Amato e Ciampi, hanno sempre affermato di non aver mai neppure sentito parlare di trattativa. Penso che non possiamo mettere in dubbio la loro parola e la loro fedeltà a Costituzione e a Stato di diritto". Sulla strage di Capaci Pisanu però avanza qualche dubbio sulle modalità della strage: "In quella situazione fu necessaria una speciale competenza tecnica per realizzare un innesco che evitasse l'uscita laterale dell'onda d'urto dell'esplosione e la concentrasse invece sotto la macchina di Falcone. Mi chiedo: "Cosa nostra ebbe consulenze tecnologiche dall'esterno?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    10 Gennaio 2013 - 10:10

    Che dice e non dice lasciando in pratica tutti gli interrogativi della partenza. Siamo il quinto mondo e pure vergognoso.

    Report

    Rispondi

  • Caninforato

    10 Gennaio 2013 - 08:08

    Leggo tanti commenti senza senso, da parte di lettori che evidentemente nulla sanno della vicenda, e nemmeno si informano, ad esempio sul processo in corso (dove a differenza della anacronistica Commissione presieduta da un membro della P2, e questo nonostante l'eleganza e la furbizia del personaggio dice molto) dove politici di peso, anche se poco noti al grande pubblico come Mancino, sono alla sbarra...

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    09 Gennaio 2013 - 19:07

    pisanu il solo democristiano che non si stacca dalla poltrona capace di stare con il diavolo e acqua santa pur di sopravvivere questi ex dc fanno proprio schifo

    Report

    Rispondi

  • ALFONSOVITALE

    09 Gennaio 2013 - 18:06

    Io mi fido di quello che ha detto l'ex guardasigilli Conso che è stato un uomo delle istituzioni il quale ha dichiarato, sotto giuramento, che in quegli anni c'è stato effettivamente un'intesa fra lo stato e la mafia e i compartecipi dello stato furono Conso, mancino, scalfaro. amato e ciampi.Pisanu da ex democristiano è chiaro che vuo salvare la faccia dei suoi amici ma la verità è quella di Conso e di Martelli non quella di mancino (vero napolitano?). Il resto è tutta aria fritta. Quando mai una commissione di inchiesta ha raggiunto risultati apprezzabili? Che io ricordi MAI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog