Cerca

Spending review

Treni e autobus, rincari in arrivo: tariffe dei biglietti anche raddoppiate

Treni e autobus, rincari in arrivo: tariffe dei biglietti anche raddoppiate

Carlo Cottarelli, commissario per la spending review, si è detto intenzionato a ritoccare le tariffe del trasporto pubblico: i costi dei biglietti potrebbero presto aumentare, anzi raddoppiarsi. Gli eventuali rincari riguarderanno treni e autobus. L'economista, incaricato di mettere a posto i conti dello Stato prima da Enrico Letta e poi da Matteo Renzi, lo ha scritto esplicitamente nella sua documentazione. Per il trasporto pubblico, l'Italia spende più del doppio rispetto agli altri Paesi dell'Unione Europea e questo, secondo il commissario, non è più ammissibile. 

Per provare a sistemare le cose, riducendo le spese senza peggiorare ulteriormente la qualità di un servizio già fortemente criticato dagli utenti, Cottarelli intravede principalmente due soluzioni. La prima prevede di tagliare qualche poltrona e razionalizzare il sistema delle aziende partecipate che gestiscono il servizio. "Ci sono Comuni che hanno quattro o cinque aziende e, alla luce degli sprechi che comporta questa situazione è evidentemente necessaria una razionalizzazione con l'accorpamento di queste aziende", ha spiegato il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi. D'altra parte, riuscire a intervenire su una situazione tanto intricata potrebbe richiedere tempi molto lunghi.

Il Governo, allora, potrebbe essere tentato di percorrere la strada più semplice: quella dei rincari. Un provvedimento che, certamente, porebbe creare parecchi malumori nel popolo dei pendolari, costretti a fronteggiare quotidianamente ritardi e disagi vari. L'esecutivo dovrà perlomeno provare a migliorare la qualità del servizio: ammesso che questo possa bastare a far digerire l'aumento delle tariffe ai passeggeri. Se i due provvedimenti dovessero poi trovarsi a coincidere, il rischio di blackout si annuncia elevatissimo: tagliare e migliorare insieme sembra davvero una missione impossibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolo.vismara63

    15 Dicembre 2014 - 09:09

    Bisogna che chi lavora nelle ferroviee faccia il proprio lavoro. Bisogna dare la possibilità di fare il biglietto senza diventare matti (macchinette funzionanti , biglietterie aperte ). Bisogna che gente come Chiamparino vengano mandati a casa in quanto inetti a guidare una regione come il Piemonte che sopprime i treni e aumenta il trasporto su gomma e Marino sindaco di Roma dove niente funziona.

    Report

    Rispondi

  • filder

    21 Marzo 2014 - 21:09

    per dirla tutta,anche la benzina è stata aumentata nella speranza di incassare molto di più,invece hanno incassato un buon miliardo in meno.....deficenti!

    Report

    Rispondi

  • fossog

    21 Marzo 2014 - 19:07

    per far quadrare i conti si potrebbe far restare in porto la flotta che và a prendersi i clandestini fino in africa... e si potrebbe smettere di pagare i presunti ''rifugiati'' visto che tutti gli africani sono nelle condizioni di poterlo essere, MENTRE noi NON siamo nelle condizioni di pagarli. E si potrebbe far attenzione ai Disoccupati DIMENTICATI, invece che ai rom ed ai clandestini, NO ?

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    21 Marzo 2014 - 17:05

    Invece di alzare i costi dei biglietti, recuperate i soldi dalla dirigenza FS strapagata ma composta da persone non all'altezza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog